lunedì 5 novembre 2012

Strudel di porcini, patate e Lou Bergier Pichin




I funghi porcini, si son fatti desiderare, ma diversamente dagli anni scorsi, se pur in ritardo, sono finalmente spuntati, sia nei boschi, e sia sulle nostre tavole, per la gioia degli appassionati e delle buone forchette!

Io faccio parte di tutte e due le categorie, della serie, svestita dai panni di food blogger, cioè tolto il grembiule, appoggiata la forchetta, e spento il gas ... indosso i panni della fungaiola, con i miei vecchi jeans, la camicia che non va più di moda, e i miei amati scarponi, e in compagnia di mio marito, saltiamo in macchina, verso boschi di castagni o di faggio.

Diciamo, che ci siamo accontentati, e in vari fine settimana, abbiamo riportato a casa qualcosina, niente a che vedere  con chi si vanta dei suoi svariati kg, noi ci accontentiamo di metterne via qualcuno, per i tempi di magra, e gli altri, ce li gustiamo sul momento ...






Strudel di porcini, patate e Lou Bergier Pichin


  • 2 rotoli di pasta sfoglia ( meglio quella  rettangolare ) si, la compro ... non ho tempo per farla, e verrebbe sempre troppo burrosa, per i miei gusti.

  • 2 patate medie
  • 500 g di funghi porcini
  • 4 fette di speck
  • 100 g di formaggio Lou Bergier Pichin delle Fattorie Fiandino
  • uno spicchio d'aglio
  • prezzemolo
  • 40 g circa di pangrattato
  • 20 g di burro 1889 Fattorie Fiandino
  • prezzemolo tritato
  • sale


Per prima cosa, pulite i funghi, eliminando la parte terrosa con un coltellino, e spolverateli con un pennellino, se rimanesse ancora della terra, passateli con uno straccio umido, ma mi raccomando, non passateli mai sotto l'acqua corrente, ne andrebbe del loro sapore.

Mettete le patate a cuocere, io le ho cotte intere, dentro al cestello di bambù, ed ho preferito la cottura a vapore, nulla vieta che voi le lessiate.
Una volta cotte, ho tolto la buccia, e una volta intiepidite, le ho tagliate a fette.

Ho cotto i funghi, che ho tagliato a tocchetti,in un tegame, con il burro, e lo spicchio d'aglio schiacciato , ho salato, e una volta cotti, ho unito il prezzemolo tritato.

Rosolate il pangrattato, in una padella antiaderente dove avrete sciolto una piccola quantità di burro, e mettetelo da parte.




Prendete lo speck, e fatelo rosolate in una padella, e rendetelo croccante.

Tagliate la pasta sfoglia, in  rettangoli, cospargete con il pangrattato, e dividendo gli ingredienti in 4 parti, iniziate a coprire, con le patate, i funghi, il formaggio tagliato a fettine sottili, o grattugiato con la grattugia a fori grossi, ed infine lo speck.

Arrotolate gli strudel, chiudete bene i bordi, e spennellateli con del tuorlo d'uovo, sbattuto con un goccio di latte, infornate nel forno già caldo, a 200° per circa 20 minuti.

Lasciate intiepidire, e buon appetito.

Sono buonissimi anche freddi, fidatevi :)


Con questa ricetta, partecipo al contest, indetto dalle Fattorie Fiandino




22 commenti:

  1. Che dire. Una meraviglia, si sapori, aromi e profumi.
    Immagino la delizia del poter assaporare una fetta di questo strudel!
    Buona giornata!

    RispondiElimina
  2. wow...adoro sia funghi che le patate...i formaggi poi...che te lo dico a fare!!! Devo provarla! :-)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ma ciao Anna :))
      prova, prova...poi fammi un fischio :)

      Elimina
  3. Uno scrigno di sapori autunnali, preziosi ed avvolgenti!
    Davvero pochi funghi da quelle parti??
    Qui in Liguria abbiamo attaccato a settembre e diversamente dall'anno passato abbiamo raccolto, cucinato e conservato in abbondanza.....yuppie!!!:))

    Un saluto

    Fabi

    RispondiElimina
    Risposte
    1. no, Fabiana... noi pochi funghi, c'è chi ne ha trovate in abbondanza, ma dovevamo andare all'Abetone :)
      a noi ci bastano... pochi, ma buoni.

      e tu, la solita fortunella :))

      Elimina
  4. Anche qui da noi pochi funghi, per fortuna che avevamo fatto scorta in montagna a Luglio...quindi me la segno subitissimo!!
    Buon lunedi :-)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ricciolona, buongiorno :))
      io sono sempre qua, che ti aspetto ...

      Vedi, la fortuna, di andare in vacanza, in montagna? noi, nemmeno, dove abbiamo la seconda casa ...abbiamo dovuto aspettare ottobre :)
      Un abbraccio

      Elimina
  5. i funghi sono l'unica cosa che non posso mangiare...ma appena possibile mi preparo questo strudel! che bontà!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. uhhh, non ti avrò mica fatto venire una voglia, vero?
      naaa, fa veramente schifo, immangiabile...ed i funghi, poi??? na schifezza!!! :)))
      un bacione donnine ...

      Elimina
    2. ahahahah immagino la schifezza! :P

      Elimina
  6. Appena ho tempo voglio sperimentate questa ricetta senza glutine! Userò anch'io la pasta sfoglia surgelata!!!
    Grazie!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ma prego Roberta ... sperimenta pure, le ricette, son qua per questo :)

      Elimina
  7. Aurelia... una vera leccornia!
    Piatto godereccio..direi.
    Bellissimo poi, come sempre.
    Buona settimana!

    RispondiElimina
  8. ma che meraviglia e che delizia! complimenti, bravissima come sempre :)!

    RispondiElimina
  9. Aurelia ti confesso che questa ricetta mi ingolosisce da morire :) segno!

    RispondiElimina
  10. Che meraviglia! Ero in cerca di una ricetta originale con i funghi porcini...e ti ho trovata.Mi piace molto il tuo blog e mi sono unita ai tuoi lettori. Se hai voglia, vienimi a trovare.
    Ciao
    Barbara
    (http://dillo-cucinando.blogspot.it/)

    RispondiElimina
  11. Quanto mi piacciono queste ricette dolci-salate! Anche io uso molto spesso la frutta in cucina, ne vengono fuori dei pasticci sempre molto golosi. :o)
    Piacere di conoscerti!(ho letto che sei stata alla maratona del benessere insieme a Simona e alla Ely)

    RispondiElimina
  12. Buono questo strudel! io che adoro i tortini salati e simili, lo proverò di sicuro!!!
    un bacione Aurelia!
    Mari (la "tua" Mari) :-)

    RispondiElimina
  13. ottimi piatti uno piu' buono dell'altro , brava se ti va passa da me www.metalfimo2.blogspot.com

    RispondiElimina

Ti ringrazio per essermi venuto a trovare, e per aver trovato tempo e voglia per commentare.
Puoi lasciare scritto quello che vuoi, un saluto, farmi una domanda, o anche una critica se costruttiva.