venerdì 17 ottobre 2014

Zuccherini di Vernio

IMG_6523


Quando vado a Porretta, per qualche commissione, mi fermo sempre in una  pasticceria in via Mazzini, per comprare gli zuccherini montanari. Una bottega storica, e per storica intendo che sicuramente ha più o meno la mia età, visto che ci andavo anche da bambina. Appena si entra, le narici percepiscono subito il profumo di anice, e lo sguardo rimane incantato sulla montagna di biscotti glassati e profumati, che fanno bella mostra nella vetrina.

Ho sempre pensato che gli zuccherini fossero tipici di Porretta, fino a che non mi sono " accorta", che gli stessi biscotti li facciamo anche noi, qua in vallata e precisamente a Vernio, a pochissimi km da Prato.
In effetti, i km che separano Porretta da Vernio non sono molti,  tutte e due si trovano sull'Appennino, uno chiaramente dalla parte Emiliana e Vernio sul versante Toscano, quindi penso che bene o male, si possa parlare se non proprio della stessa ricetta, ma di una ricetta, molto, ma molto simile.
I semini di anice ci sono, il liquore all'anice pure, la glassa idem, e quindi direi che ci siamo.
È una ricetta facile, basta mescolare tutto insieme, formare delle ciambelline e mettere in forno. Poi dovremo glassare le ciambelline con lo zucchero, aspettare che si raffreddino, e finalmente potremmo gustarle.

Io da bambina, partivo sempre dalla glassa... mi impegnavo a staccarla con dovizia e pazienza, un po' con i denti e un po' con le dita, e poi era la volta del biscotto morbido e sbricioloso. Ora che sono cresciuta, non lo faccio più , anche se la tentazione sarebbe forte :)

Questa è la ricetta di quelli di Vernio, 





500 g di farina 00
4 uova
50 g di burro
100 g di zucchero
 una bustina di lievito
20 grammi di semi di anice
mezzo bicchiere di liquore all' anice
300g di  zucchero semolato  per la glassa
acqua q.b

IMG_6517


Riscaldate il forno a 180°.
Sulla spianatoia fate la fontana con la farina, poi aggiungete gli altri ingredienti,date  una bella mescolata e impastate, finché non otterrete un impasto liscio.
Formate delle piccole ciambelline e posizionatele man mano, su una teglia antiaderente.

Infornate e lasciate cuocere per circa 20/25 minuti. 
Le ciambelline devono rimanere abbastanza morbide e non croccanti.

Sfornatele e lasciatele intiepidire.




IMG_6501



Intanto fate sciogliere lo zucchero insieme a un po' d'acqua, in  un largo tegame e quando vedrete che il liquido sarà quasi del tutto evaporato, versateci dentro le ciambelline e con l'aiuto di un cucchiaio mescolate, per far attaccare la glassa.

Mettete a raffreddare sopra ad una gratella.

Gli zuccherini, si possono conservare per qualche giorno, dentro a delle scatole di latta...

  

mercoledì 15 ottobre 2014

Calabria, Strongoli ... Sapori, luoghi e persone da scoprire!



Le Castella Isola di Capo Rizzuto Crotone


La Calabria, non è poi così lontana da Prato...In poco più di  un'ora, volando con Rayanair  si raggiunge Crotone da Pisa. Giusto il  tempo di  allacciarsi le cinture, salutare la costa toscana e ci si ritrova catapultati, in una terra sospesa tra terra e mare!

La Calabria, la terra della mia amica Teresa Balzano, quella che solo a nominarla, le fa brillare gli occhi e chiamare il suo blog Peperoni e Patate, proprio come  un piatto tipico di questa terra. La Calabria una terra generosa, schietta e spontanea, proprio come coloro che la abitano e la portano nel cuore!
La Calabria, dove il senso del tempo è talmente dilatato che non esiste la fretta, dove le porte di casa e la dispensa della  cucina vengono aperte anche a perfetti sconosciuti che ti piombano a casa, una domenica pomeriggio. La Calabria, dove se non ti alzi da tavola sazio e satollo, sembra quasi di non aver mangiato... La Calabria, dove pensi di trovare solo cibo che ti brucierà inesorabilmente le papille gustative  con il suo piccante, ed invece ti delizia con la sua delicatezza! La Calabria, dove la musica e le sue canzoni, ti fanno battere le mani, l'anima ed il cuore.
La Calabria, la terra di cui ti innamori in poche ore...

Siamo stati invitati nel crotonese proprio da Teresa, a nome dell'associazione Gal Kroton , il Gruppo d'Azione Locale della Provincia di Crotone, che si occupa di valorizzare e promuovere  il territorio ed i progetti, di tutta l'area Crotonese, e poi da Lui, l'Unico, l'Inimitabile, l'Instancabile Piero Romano, proprietario della Fattoria San Sebastiano colui  che ci ha ospitate, sfamate, scarrozzate, rendendo indimenticabili, i giorni trascorsi in sua compagnia.

Ma facciamo ordine e partiamo dall'inizio...

Appena atterrate, siamo state accolte da Teresa e dalla sua mitica mamma Elvira, e subito è partita la proposta per andare a visitare una bellissima località li vicina, Le Castella, dove si trova una meravigliosa fortezza perfettamente custodita, che risale alla seconda metà del XIII secolo.



WP_20140919_17_04_36_Pro


WP_20140919_16_52_15_Pro__highres

Praticamente la fortezza si erge su una piccola penisola, attaccata alla costa da una sottile striscia di sabbia.
Si pensa che anticamente i castelli potessero essere più di uno, ed è forse per questo che si è usato  il sostantivo plurale, per dare un nome a questo luogo, così affascinate.
Le Castella è anche ormai famosissimo, per avere il gelato che si scioglie alla velocità della luce... e si che noi food blogger, siamo abituati a mangiare, ma con quel cono, non c'è stata storia... ha vinto lui! Le tracce del suo passaggio, erano ben visibili sia sugli abiti, che sulle mani!


Da Le Castella, ci siamo dirette verso Strongoli Marina, dove avevamo il nostro appartamento che ci attendeva. Questo è lo spettacolo che ci si è prospettato al risveglio la mattina seguente. Non era il classico appartamento vista mare, ma era proprio SUL mare!



WP_20140920_10_12_57_Pro


WP_20140922_09_15_36_Pro


Ormai anche gli altri food blogger, pian piano erano arrivati alla spicciolata... si era fatta una certa ora, la pancia iniziava a brontolare,( il gelato di Le Castella, ci aveva fatto un baffo...) ed era giunto soprattutto il momento di conoscere il mitico Piero Romano, che ci attendeva nella  sua Fattoria San Sebastiano.



WP_20140919_19_30_11_Panorama

La fattoria San Sebastiano è una fattoria biologica e biodinamica  che si trova  immersa in una distesa di olivi antichi, ai piedi dell'antica Petelia o come viene chiamata oggi, Strongoli.
Un'azienda antica, acquistata dalla famiglia Romano ai primi del "900, e Piero che oggi la dirige con tanta passione ed attenzione, ne è il rappresentante  della terza generazione.
Oltre ad essere una classica fattoria, con oliveti, vigneti e coltivazioni di grano Senatore Cappelli, da pochissimo tempo, Piero ha aperto anche un delizioso agroristorante ( si può dire agriristorante? ) proprio all'interno della fattoria ristrutturata recentemente!
Venerdì, sabato e domenica, tra canti della tradizione calabra, risate e ottimo cibo, la fattoria apre la sua cucina e i suoi 100 posti , a chi vuol godersi una serata come in famiglia.




WP_20140920_22_16_54_Pro





InstagramCapture_4e6891e5-3ecc-4a81-b244-c0e2fbfa7a82



E' proprio qua, presso la fattoria, che la mattina seguente abbiamo avuto il primo incontro con alcuni produttori ed i prodotti che fanno parte del paniere del Gal Kroton (Gruppo azione Locale).
Un incontro più che gradito, che ci ha portati ad assaggiare l'olio biologico di Piero Romano, che vanta numerosissimi premi, e se lo si assaggia  si capisce anche il perché, di tanto successo!



IMG_6131






condimenti san Sebastiano



Le mostarde e le confetture  Calabria Gourmet, di Antonio Elia ... cipolle in agrodolce e mostarda di cipolle, oltre alla gelatina di birra, ottenuta con la birra Blandino
    IMG_6136   
    Abbiamo conosciuto anche Gian Franco Blandino, dell'omonimo birrificio Blandino, che produce due birre artigianali buonissime, la birra Denis quella più fresca e leggera, adatta come aperitivo o per accompagnare piatti come la pizza e la carne bianca, e la Fraden, una birra da meditazione o per accompagnare risotti , formaggi a media stagionatura e dolci che non abbiano cioccolato al loro interno.



        IMG_6139




      Miele, propoli e caramelle balsamiche  al miele: Apicolutura Lucanto (Mesoraca, KR)

      WP_20140920_11_57_31_Pro


      E poi i dolci preparati da Nadia, la moglie di Piero ... 


      PicMonkey Collage




      WP_20140920_11_22_26_Pro

      oppure la frutta fresca e profumata...

      Accompagnati da Piero e da  Martino Barretta del Gal Kroton, abbiamo continuato la nostra scoperta dei sapori calabri, proprio nella  sede del Gal Kroton, presso Torre Melissa, un'antica torre aragonese, che anticamente proteggeva tutto il territorio, dagli attacchi via mare.



      WP_20140920_14_54_40_Panorama



      IMG_6267



      IMG_6268


      comune di Melissa


      IMG_6224





      WP_20140920_13_27_41_Pro



      WP_20140920_13_32_52_Pro








      IMG_6248


      WP_20140920_13_33_10_Pro


      IMG_6242



      WP_20140920_018

      Ecco qua la lista dei produttori.
      • Caciocavallo Podolico: azienda Parrilla (il proprietario si chiama Bevilacqua) Loc. Vuote 88811 Cirò Marina 
      • Az. Tosto Salvatore loc. Santopolo 88823 Umbriatico, 
      • Salame di maiale nero: Azienda Leadercoop di Casabona (KR)
      • 'Nduja di maiale nero: Azienda Leadercoop di Casabona (KR)
      •  Sardella: Az. Parrilla Gastronomia Via Scalaretto 88811 Cirò Marina;
      •  Birra artigianale e gelatina di birra: Blandino (Strongoli, KR)
      •  Miele, propoli e caramelle al miele: Apicolutura Lucanto (Mesoraca, KR)
      •  Pecorino crotonese: Azienda Agricola Spina
      •  Sott'oli e olive schiacciate: F.lli Cristiano
      •  Creme piccanti: Az. Sapori e Delizia 
      • Carne Podolica APZ Calabria 
      • Vino: Cantine Riunite di Melissa e Cirò
      •  Confettura (e cipolle agrodolce e mostarda di cipolle) Calabria Gourmet di Antonio Elia
      •  Pane del mitico Mimmo Grillo
      • e ovviamente  l'olio biologico  della  Fattoria San Sebastiano
      IMG_6179

      E dopo esserci di nuovo rifocillati a dovere, ( si denota si, che in Calabria si mangia bene???) è stata la volta di una rapida visita alla Cantina Cirò e Melissa...








      E poi, visto che in qualche modo, dovevamo pur smaltire quello che avevamo mandato giù, è stata la volta della visita a Strongoli,  con le sue piazze, le sue case antiche e le sue stradine irte ...
      Un paese ancora ricco di fascino.


      IMG_6297


      IMG_6286


      IMG_6278

      strongoli alta

      E venne ancora la sera, una cena fantastica in fattoria San Sebastiano, e poi visto che si era fatto una certa ora ... ( 1, 30 del mattino?) via tutti di corsa a letto, perché alle 5.30 sarebbe suonata di nuovo la sveglia! Ci aspettava una giornata importante, dovevamo vendemmiare!!






      Il trattore della fattoria si è messo in moto. Ancora assonnati e silenziosi, siamo saliti sul suo rimorchio, e siamo partiti per vedere l'alba sul promontorio di Vergadoro, possando attraverso i vigneti e gli oliveti.

      WP_20140921_003


      WP_20140921_07_15_44_Pro (2)


      WP_20140921_007


      IMG_6329


      IMG_6318




      PicMonkey Collage2

      E poi finalmente la vendemmia ...



      IMG_6327


      InstagramCapture_8b0c4ab2-5ab0-48ae-965a-330670beb65f


      InstagramCapture_832c19ca-7bee-4567-a739-6b163c253b2f


      WP_20140921_10_01_24_Pro__highres


      IMG_6349


      IMG_6343


      IMG_6352


      IMG_6358


      IMG_6369


      WP_20140921_10_49_35_Pro




      IMG_6382




      E dopo la vendemmia, abbiamo fatto visita all'azienda Spina, dove siamo rimaste rapite da questi esserini appena nati.



      IMG_6430


      IMG_6421


      IMG_6410


      IMG_6392


      InstagramCapture_88d4a27a-9a0c-4f8f-bf45-0757e8e2005d


      Ancora un pranzo ci attende...questa volta in riva al mare al Saint  Thomas di Strongoli Marina...






      WP_20140921_15_00_30_Pro__highres


      Ed è arrivata anche l'ultima sera... Dopo esserci riposate qualche ora ( credo di aver dormito 7 ore in tre giorni...) Piero, ci ha organizzato una serata fantastica alla fattoria. 

      Balli, canti... il mitico Salvatore Bellio  o Taruzzo  cantastorie di infinita saggezza e cultura, il gruppo folcloristico Aqila di Strongoli, nato da pochi mesi ma che ha danzato per noi, coinvolgendoci ( io non ho zompettato...complice una caviglia malandata...) nel loro spettacolo, una tavola lunghissima con tutti i protagonisti che hanno allietato i nostri giorni in Calabria, risate, vino, buon cibo, tutto questo ha prodotto un'alchimia strana, magica, che difficilmente credo che si ripeterà in seguito.
      Da perfetti sconosciuti, siamo diventati quasi una famiglia... 
      La Calabria ci ha regalato tanto, ma soprattutto dobbiamo ringraziare Piero Romano, Martino, tutto il Gal Kroton e chi ci ha aperto le loro porte, facendoci sentire a casa!

      Vi lascio un filmato, per farvi vedere questi tre giorni, come li abbiamo vissuti noi...scusatemi per questo post lunghissimo, ma le cose da dire e da farvi vedere erano tantissime...