mercoledì 24 novembre 2010

Paratha

paratha

Oggi lasciamo la Cina, e ci spostiamo leggermente a Ovest…e andiamo in India, si perché questa specie di piadina, friabile e buonissima, viene proprio dall’India e si chiama Paratha!

Nei miei viaggi virtuali, alla ricerca di sapori sempre nuovi, sono arrivata per mia fortuna da Stefania, o Arabafelice, dove ho trovato questo pane così intrigante, da volerlo provare subito.

Al suo interno racchiude un ripieno di patate lesse, cipollotto e prezzemolo, ed è inutile dirvi che è di una bontà straordinaria…

Vi lascio tutto il procedimento del Paratha, di Stefania….lei ha fotografato anche tutti i passaggi fotografici…

PARATHA

400 g di farina

80 ml di olio di semi

mezzo cucchiaino di sale

acqua tiepida quanto basta

per il ripieno:

patate lesse sbucciate e tagliate a fettine

zenzero fresco

cipollotto

coriandolo fresco, o prezzemolo

sale

paratha2

Procedimento

Si inizia con il lavorare la farina,con l’olio ed il sale, e si aggiunge l’acqua poco alla volta, ottenendo un panetto che non deve essere troppo sodo, a questo punto si lascia riposare l’impasto, avvolto nella pellicola per alimenti, per circa un’ora a temperatura ambiente.

Passata l’ora, si prende il nostro impasto, e si divide in tante palline di media grandezza, e si formano dei salsicciotti che andranno arrotolati su se stessi, a mò di chiocciola, e lasciati riposare ancora mezz’ora, coperte con la pellicola.

Qua Stefania dice di dividere ogni chiocciola a metà, e stenderla con il mattarello, io invece non le ho divise e mi sono limitata a stenderle intere, cercando di ottenere un cerchio che andasse bene per il diametro della mia padella da crepes.

Su una metà, ho messo delle patate che avevo precedentemente lessato, un po’ di cipollotto, il prezzemolo, il sale ed il pepe…e anche dello zenzero tritato.

ho coperto con la seconda sfoglia, ho compresso il tutto con le mani, ed ho steso di nuovo con il mattarello, ottenendo una sfoglia sottile.

Le ho cotte sulla mia padella, unta leggermente d’olio…ho praticato dei piccoli tagli quando l’impasto ha iniziato a gonfiarsi, e le ho fatte cuocere anche dall’altro lato.

Una volta pronte le ho messe in un piatto, le ho impilate…tagliate a spicchi con le forbici, e le ho servite in tavola.

Stefania dice che si possono gustare anche al naturale, senza ripieno…basta cuocerle da ambo i lati, e una volta cotte, si stropicciano come una pallottola di carta rappresa, e si può servire con i salumi, formaggi, panna acida, marmellata…molto interessante vero?

16 commenti:

  1. Che dire, se non che ti sono venute una meraviglia???
    Bravissima, e grazie mille per averle provate :-)gunhand

    RispondiElimina
  2. MAmma come ne vorrei una a merenda! Copio tutto, mi intrigano un casino. Baci

    RispondiElimina
  3. che delicato, ed anche il ripieno,gustosissimo!!!

    RispondiElimina
  4. Ma come si chiama la rubrica? "Il giro del mondo in 80 piatti"??? ;) No, confesso che la cosa mi piace parecchio. È talmente economico 'sto viaggio! :D
    E tu sei sempre bravissima...
    Buona giornata!

    RispondiElimina
  5. mmmm...questa sorta di piadina deve essere fantastica!!!!!!!

    RispondiElimina
  6. che meravigliaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaa!!! addenterei il video dalla golosità che mi fanno!!!! sei stata bravissima Aurelia!!! baci Ely

    RispondiElimina
  7. chissà che buone! devo provarle al più presto.
    Grazie

    RispondiElimina
  8. VERAMENTE INTERESSANTE
    già copiato&incollato...le propongo per la prossima cena...da antipasto?
    mi ce ne vorranno parecchie...aspetto il dopo partita!
    ciao grazie

    RispondiElimina
  9. Devono esssere strepitose!!! Ormai Aurelia ti stai specializzando nella cucina etnica e nel prossimo post mi aspetto di trovarti alle perse con il kebab, bacioni

    RispondiElimina
  10. non è giusto.....sto tentando una mezza dieta ma tu non mi aiuti,ma non potresti fare qualcosa di meno buona???? (naturalmente sto scherzando lo sai vero?) SONO STREPITOSE un saluto dalla lontana Loredana

    RispondiElimina
  11. Stefania, il merito è solo tuo...ancora grazie per le belle ricette che posti e condividi.
    Un bacio

    Sabri, ciaooo
    Copia e falli a occhi chiusi, sono divini...

    Mirtilla
    Si, hai proprio ragione, sono veramente gustosi, e poi con le patate al loro interno, hanno veramente un sapore unico.

    Carolina
    e tu, sei sempre più simpatica e gentile...
    se mi ricorso...sintonizzo la radio!!
    bacione

    Simo
    Concordo pienamente, e ti consiglio di rifarla ;)

    Ely,
    baci e abbracci a te :))

    Luvi
    sono sicura che a te piaceranno, sicuramente!

    Il cucchiaio d'oro
    provalo, e poi mi racconti :)

    Ciao Matteo,
    può essere uno sfizio, un antipasto...una cena veloce.
    Non ne vengono poche...però al limite raddoppia la dose, se hai degli amici affamati :)

    Le mie Pellegrine preferite :)
    No ragazze..il kebab...credo di no...ha ha ha
    Ora aspetto qualche post...e poi vado di ravioli al vapore :)
    Voi aspettate fiduciose <3

    Loredana :)
    mezza dieta?
    ha ha ha
    si, sei talmente lontana...che se mi affacciassi al terrazzo, di sicuro ti potrei anche vedere...o forse NO!!
    Stiamo vicine...e ci vediamo in media due volte l'anno :)
    hahahahaha
    bacione

    RispondiElimina
  12. amo la cucina indiana e pure questo pane...t'è riuscito alla grande! brava!

    RispondiElimina
  13. MA E' FANTASTICA!!!
    mi stai facendo svenire dalla fame con queste foto!!!
    non la conoscevo la paratha, devo provarlaa

    RispondiElimina
  14. Da mangiarselo subito, complimenti!

    RispondiElimina
  15. ....Voglio assaggiarla!!!!!Ma perchè tutte queste delizie si possono solo guardare??????Golosissime.....un bacino stefy

    RispondiElimina

Ti ringrazio per essermi venuto a trovare, e per aver trovato tempo e voglia per commentare.
Puoi lasciare scritto quello che vuoi, un saluto, farmi una domanda, o anche una critica se costruttiva.