mercoledì 25 febbraio 2009

Hash di pollo e patate.


Un vecchio libro di cucina,le sue pagine vissute...
Un caro regalo della nonna di mio marito,quando ero una ragazzina non ancora maggiorenne...
Un modo carino,per assicurarsi della sopravvivenza del suo nipotino,una volta sposati?
No,non è vero,la mia era solo una battuta,la nonna Ines aveva un cuore grande...è stato un regalo per la mia grande passione per la cucina.
Il grande libro della cucina d'oggi...il libro che mi ha insegnato tante cose,come questo piatto dal nome strano ..in inglese,per indicare un piatto a base di carne tagliata a piccoli pezzi.
Hash di pollo e patate
Ingredienti per 4 persone
400 g di patate
una bella cipolla bianca
due bei petti di pollo cicciotti
burro
sale
latte
panna da cucina 1 confezione circa
Pelate le patate e la cipolla,lavatele asciugatele e tagliatele a cubetti di circa 1/2 cm.
Tagliate a cubetti anche il petto di pollo,nella stessa misura delle patate e delle cipolle.
Sciogliere il burro,in una larga padella antiaderente,oppure come ho fatto io nella paellera,e a fuoco vivace fateci saltare le patate,la cipolla,e il nostro petto,salate e pepate,e mescolando spesso e cuocendolo per circa 10 minuti,o finché le patate sono tenere.
Abbassate la fiamma,unite la panna e qualche cucchiaiata di latte,e senza mescolare lasciate cuocere altri 5 o 6 minuti,facendo assorbire la parte liquida.
Mi raccomando,fuoco basso...ed occhio che non attacchi il tutto

4 commenti:

  1. Aurelia complimenti, questa ricetta deve essere buonissima..... la farò molto presto....
    Grazie

    RispondiElimina
  2. Ciao Mery,sei la benvenuta...
    E' veramente buona,spero che piaccia anche a te ;-)

    RispondiElimina
  3. L'ho preparate e devo dire che è veramente buona......
    Grazie Aurelia!

    RispondiElimina
  4. Mery,come sono felice che ti sia piaciuta!
    E' veloce da preparare, ed è molto saporita...
    Un abbraccio

    RispondiElimina

Ti ringrazio per essermi venuto a trovare, e per aver trovato tempo e voglia per commentare.
Puoi lasciare scritto quello che vuoi, un saluto, farmi una domanda, o anche una critica se costruttiva.