mercoledì 22 aprile 2015

Carciofi ripieni.


carciofi ripieni

Non si finisce mai di imparare in cucina.
Se pensavo di sapere tutto sui carciofi, e sul loro modo di essere cucinati, qua , qua, ed ancora qua , potrete trovare alcune ricette che ho sul blog, ebbene, in Sardegna mi sono resa conto  di non conoscere la ricetta dei carciofi ripieni che preparano sull'isola.
Grazie a Maria Antonietta Mazzone e alla sua lezione di cucina e non solo di cucina, ho visto preparare ed ho avuto la fortuna di assaggiare, questi deliziosi carciofi, che si sono messi subito in lista di attesa, tra le decine di ricette scoperte durante il blogtour , per essere riprodotti nella cucina di casa mia.
Come ogni ricetta sarda che si rispetti, anche qua, gli ingredienti principali,  sono  la semplicità e ingredienti poveri, che possiamo trovare in tutte le cucine.
Li ho preparati ieri pomeriggio, per la cena di ieri sera, e quindi li abbiamo mangiati freddi...
Mio marito, ha iniziato a elogiarli dal primo boccone, e per chi lo conosce, sa che la cosa non accade molto spesso. E' molto critico, quando gli presento un piatto, tanto che io lo chiamo il Cracco de noantri, a volte a ragione, soprattutto quando mi dimentico di mettere il sale e tento di difendermi dicendo che il sale, sala poco,  a volte...si insomma avete capito, a volte, lo fa  solo per il gusto di rompermi le scatole!
Nella ricetta originale, è prevista l'aggiunta di qualche fetta di peretta sarda,( praticamente è una provoletta di latte vaccino), sui carciofi, quando la cottura è praticamente terminata, Io non l'ho messa, ma se voi l'avete a disposizione, mettetela pure.



carciofi


Questa ricetta e molte altre, della tradizione della Gallura, le potete trovare nel  libro, I Sapori della Memoria, scritto da Maria Antonietta Mazzone.


Carciofi ripieni


  • 5 carciofi
  • 40 g di pecorino fresco
  • 20 g di parmigiano reggiano 
  • prezzemolo
  • 2 spicchi d'aglio
  • 2 cucchiai di pangrattato
  • 4 cucchiai di olio extra vergine d'oliva
  • sale, pepe
  • 1 limone


carciofi ripieni crudi
Inizia con il pulire i carciofi, elimina le foglie più dure, e taglia il gambo, poi svuota leggermente il carciofo con un cucchiaino, se per caso al suo interno, noti la peluria bianca. Immergi i carciofi, dentro ad una ciotola con acqua fredda ed il succo spremuto del limone, per evitare che i carciofi, si ossidino.
In una ciotola metti il pangrattato, il prezzemolo e l'aglio tritati, i due formaggi grattugiati ( puoi usare anche il mixer), aggiungi l'olio e aggiusta di sale e di pepe, e mescola per rendere il composto omogeneo.
Togli i carciofi dall'acqua,allarga le foglie  e farciscili con il ripieno.
Mettili dentro ad un tegame con qualche cucchiaio d'olio sul fondo, e unisci anche un goccio d'acqua.
Metti il tegame sul fuoco, e non appena l'acqua inizia a fremere, chiudi con il coperchio e porta a cottura.
Ci vorranno circa 20 minuti, ma controlla la consistenza del carciofo, bucando con uno stecchino, il  fondo. Se non fa resistenza, i carciofi sono pronti.
Sono ottimi, sia tiepidi che freddi.

3 commenti:

  1. Appena li ho visti, subito ho pensato ai carciofi sardi ed infatti...! :-)
    Sfido io che li abbia apprezzati :-D

    Fabio

    RispondiElimina
  2. Fabio, che occhio di lince, che hai.Ti ricordi che buoni?
    ieri sono andata di panadas, così, per non restare senza Sardegna, nel piatto :)

    RispondiElimina
  3. I carciofi, che goduria..Qua in Veneto, mangiamo i fondi di carciofo che sono un piatto tipico, semplicemente fatti andare a lento in padella con aglio olio e prezzemolo. I tuoi che hanno due tra i miei formaggi prferiti devono essere una delizia!!

    Valentina

    http://preppyinvenice.blogspot.it

    RispondiElimina

Ti ringrazio per essermi venuto a trovare, e per aver trovato tempo e voglia per commentare.
Puoi lasciare scritto quello che vuoi, un saluto, farmi una domanda, o anche una critica se costruttiva.