lunedì 12 gennaio 2015

Biscotti del Faraone, e un passito per accompagnarli






 Il 2015...Un anno, che come dice il mio oroscopo, sarà un anno che mi darà tante soddisfazioni!
Che dire, ci credo, non ci credo, non lo so, ma sicuramente mi auguro che sia un anno migliore di quello che si è appena concluso, e per esserlo non ci vuole davvero molto...
Come facevo con i quaderni di scuola, quelli ancora intonsi, perfetti, con le pagine bianche ed immacolate, ecco così vedo il mio 2015 ed il mio blog, tutti e due da vivere, da scoprire, da mordere, assaporare, e mi auguro di essere pronta e vigile, per accogliere tutte le occasioni che mi si presenteranno.



Durante questi giorni di vacanza, dove il tempo è stato meno tiranno e la voglia di sperimentare nuove ricette, si è fatta sentire abbastanza prepotente, ho provato la ricetta di  questi biscotti croccanti,  tratti dal libro di Luca Montersino, "Golosi di Salute", dove i protagonisti in ordine di apparizione, sono: la farina di  grano  Khorasan o chiamata anche con il suo nome commerciale di Kamut, le nocciole, le mandorle, alcuni pistacchi che giacevano in dispensa, i semi profumati di una bacca di vaniglia, e per ultima, ma non meno importante, la nota speziata della cannella.

Come tutti i  biscotti  o in generale la pasticceria secca,  si prestano bene ad essere accompagnati da un buon vino dolce, basta pensare all'abbinamento dei Cantucci di Prato e Vin Santo che è divenuto un must, in fatto di abbinamenti.
Questa volta, ho abbandonato il vino liquoroso di casa,  e mi sono cimentata nell'assaggio di un Passito Gocce di Memoria, che mi è stato inviato dal  Podere Casale , per poterlo provare ed apprezzare.
In effetti, da quando ho aperto il blog, della quasi totale astemia che ero, non c'è più nessuna traccia. Spesso nei blogtour di noi  food blogger,  le aziende che producono vino, sono felici di ospitarci per farsi  conoscere e per farci conoscere i loro prodotti, raccontandoci la passione e la cura che mettono, nella produzione del loro vino.

Questo passito, di  uva Malvasia bianca di Candia  è uno dei vini di nicchia del Podere Casale, diciamo pure un vino liquoroso da meditazione, e viene ottenuto, dalle uve che sono state lasciate appassire nel vigneto fino a dicembre, e quindi da grappoli  estremamente ricchi di sostanze zuccherine.


passito Malvasia Podere Casale Gocce di Memoria


Diciamo che l'abbinamento è stato un successo, visto che il sapore di frutta secca dei biscotti, la loro parte burrosa e zuccherina,  si è perfettamente legato al profumo ed al sapore dolce ed intenso della Malvasia.
Un abbinamento che sicuramente proverò anche con altri biscotti, ma credo che anche con dei formaggi erborinati, possa avere il suo perché!



passito Malvasia  Podere Casale Gocce di Memoria




E ora veniamo alla ricetta vera e propria di questi biscotti, che in rete si trovano anche sotto il nome di Fettine del Faraone.


Ingredienti:

325 g di farina di farina Khorasan ( Kamut)
125 g di burro
225 g di zucchero di canna
85 g di nocciole
85 g di mandorle non pelate
85 g di pistacchi
80 g di uova
1 g di cannella in polvere
1/2 baccello di vaniglia Bourbon

Preparazione

Ho impastato il burro con lo zucchero, dentro alla ciotola della planetaria, poi ho aggiungeto la farina, la frutta secca, la cannella ed i semi della vaniglia.
Ho messo   l'impasto dentro a degli stampi da plum cake, ne ho usati due di carta, della dimensione di 22x8 cm,  ho compresso bene usando il dorso di un cucchiaio, e ne ho fatto  uno strato compatto di circa 3, 4 cm di altezza.


biscotti Fettine del faraone Montersino


Ho messo gli  stampi dentro all'abbattitore Fresco, in modalità  surgelazione rapida, e ce li ho lasciati fino a che la mattonella, non   è diventata bella dura, diciamo 30 minuti,  ma se voi non lo avete a disposizione, mettete i vostri stampi dentro al congelatore, per circa 1 ora, oppure in frigo, per tutta la notte.
Una volta che il blocco di impasto è diventato bello compatto, l'ho tolto dall'abbattitore ed l'ho tagliato a fette di circa mezzo cm, ma non escludo di tagliarli più sottili, la prossima volta che li preparerò.
Ho messo le fette sopra ad una teglia, coperta da carta forno e li ho cotti  nel forno caldo, a 170°, per circa 10 /12 minuti.
Una volta pronti, li ho sfornati e li ho fatti raffreddare, sopra ad una gratella.

7 commenti:

  1. sono bellissimi,succulenti proprio da pucciare nel passito :)

    RispondiElimina
  2. Me lo auguro di cuore, cara Aurelia, che questo neonato 2015 sia migliore dell'anno passato.
    Lo hai già cominciato con il piede giusto.. dei biscotti ricchi dell'amatissima frutta secca ed accompagnati dal passito, mio tendine d'Achille. Il resto è in discesa ;)
    Un abbraccio

    RispondiElimina
    Risposte
    1. La prossima volta che ci incontreremo, sarà davanti ad una bottiglia di passito, dolce e morbido...e poi, sai quante chiacchiere:)
      Un abbraccio a te...

      Elimina
  3. Devono essere deliziosi questi biscottini!! Belle anche le foto!!
    Ti faccio tanti auguri per il nuovo anno Aurelia!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Renza, dobbiamo incontraci di nuovo :) ricambio gli auguri, per un meraviglioso 2015, anche a te.
      Un abbraccio

      Elimina
  4. Innanzitutto ti auguro che quest'anno ti porti tante cose belle.
    Noi iniziamo con questa tua bella ricetta e già mi sembra un buon inizio. :-D

    Fabio

    RispondiElimina

Ti ringrazio per essermi venuto a trovare, e per aver trovato tempo e voglia per commentare.
Puoi lasciare scritto quello che vuoi, un saluto, farmi una domanda, o anche una critica se costruttiva.