lunedì 7 gennaio 2013

Arista al latte e marsala


Eccoci qua, con un post nuovo di zecca, per inaugurare il nuovo anno anche su Profumi in Cucina.
Ho messo in archivio il 2012, mi sono fatta nuove promesse che intendo mantenere, ho deciso di fare più cose che fanno piacere a me stessa, che agli altri, e guardo al nuovo anno con la voglia di divertirmi e di farlo con leggerezza, senza crearmi fisime mentali.
In questi giorni di festa, si sono susseguiti pranzi e cene, con un ritmo, diciamo abbastanza inteso, e la voglia di sperimentare, si è fatta ancora più necessaria! Spesso si ha la necessità di fare anche dei piatti semplici, che non complichino ulteriormente il creare un menù,e quando mi sento con l'acqua alla gola, mi butto molto spesso su un taglio di carne, modesto e semplice da cucinare, ma che fa fare anche, delle ottime figure, con i nostri ospiti.
Sto parlando dell'arista di maiale, e di questa ricetta, che ho trovato semplicemente favolosa, sia per la cottura, che praticamente si fa da se, sia per la  fantastica salsa che si ottiene frullando il condimento  a fine cottura, e che accompagna in maniera egregia, la nostra carne.



Per 4 persone
  • 1,2 kg di arista di maiale ( se trovate quella vicina al capocollo ancora meglio)
  • uno scalogno
  • 2 spicchi d'aglio
  • rosmarino
  • 2 carote
  • 2 costole di sedano
  • mezzo bicchiere di Marsala
  • 1 litro di latte
  • sale pepe
  • olio extra vergine d'oliva


Ho asciugato l'arista, l'ho legata per farle mantenere la forma tonda,  l'ho salata e pepata,  l'ho messa dentro ad un tegame con il rosmarino, l'aglio e lo scalogno, e l'olio extra vergine, facendola  colorire da tutti i lati.A questo punto l'ho sfumata con il marsala, ed ho aggiunto sia le carote che il sedano tagliati a rondelle, ed ho coperto il tutto il latte.
Ho messo il coperchio,ed ho lasciato cuocere per circa 2 ore, a fuoco dolce.
Una volta cotta, ho tolto l'arista, l'ho lasciata intiepidire, ed ho frullato la salsa con il minipimer, ed ecco l'arista pronta per essere gustata.

36 commenti:

  1. A me il maiale non piace, ma la tua arista è irresistibile e molto elegante. Vorrei provarla, ma a casa mia sono diffidenti pure verso l'arrosto al latte :-( Mica posso mangiarmelo solo io :-) Uffa, devo trovare una soluzione. Comunque, complimenti davvero! :-)

    stefaniaskitchen

    RispondiElimina
  2. Tranquilla, anche qua erano diffidenti, ma sono riuscita a conquistarli :)
    prova a farne una piccina picciò, solo per te...dimezzi le dosi ed il tempo di cottura, e te la gusti tutta tu :)
    A presto

    RispondiElimina
  3. cerco sempre nuove ricette per cucinare la carne e questa mi ispira, oh si!!!!!!!!!!
    Un abbraccio e buon anno amica mia

    RispondiElimina
    Risposte
    1. sono io cara...non so come mai è uscito questo account...mah!

      Elimina
    2. Blogger, in questi giorni, sta dando i numeri :)
      Tesoro bello, ricambio i tuoi auguri...e come ho già scritto, quando vuoi, sono a tua disposizione, per amabili chiacchierate :)
      Un abbraccio

      Elimina
  4. Una ricetta davvero ben realizzata e gustosissima! Che questo anno sia come lo vuoi e che tu possa continuare al meglio con i tuoi stupendi propositi! :D Un abbraccione e un bacio per una settimana felice!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Ely, sia per i complimenti per la ricetta, ma soprattutto per l'augurio per i miei propositi :)
      Un abbraccio anche a te, e che anche il tuo 2013, sia solo come lo vuoi tu!

      Elimina
  5. se c'è il marsala...è il piatto giusto per me... (da preparare dopo pranzo per la cena....) ;-)

    buon 2013!

    Pippi

    RispondiElimina
    Risposte
    1. E' il piatto giusto per noi due, visto che mi stai traviando :)
      pensa ... mettiamo a cuocere la carne, e il resto del marsala, ce lo beviamo sedute sul divano, chiacchierando, come solo io e te, sappiamo fare :)
      briache come tegole, di risate, chiacchiere e marsala :))
      buon anno anche a te, Pippina :))

      Elimina
    2. ragazze mie mi aggiungo...io per il marsala farei follie, non manca mai nella mia cucina! baciooooooooo

      Elimina
  6. Mi piacciono queste ricette dove metti tutto dentro e viene quasi fuori il piatto pronto!!!
    Complimenti e auguroni di Buon anno

    RispondiElimina
    Risposte
    1. E' quello che ho pensato io ... l'arista cuoce, e io posso dedicarmi alle mille cose, ancora da fare :)

      Elimina
  7. Buon inizio! Mi piace tanto il tuo proposito per il 2013... ricorda però che abbiamo un appuntamento :)
    milioni di baci, Chiara

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Milioni, su milioni, su milioni di baci, e un abbraccio che ti scaldi il cuore ... penso che in questi giorni, ne hai veramente bisogno <3
      Certo che mi ricordo...vorrei solo cambiare il luogo, mantenendo saldissima la mia compagna :))
      Un bacione

      Elimina
  8. ho provato la lonza, ma non l'arista credo che sia ancora più saporita. Grazie per lo spunto. Un bacione

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Se la lonza, è quel taglio che da noi, si chiama capocollo, credo che in fatto di sapore, hai vinto tu :)
      adoro il capocollo, o scamerita, come lo chiamiamo qua in toscana, e arrosto è un taglio economico,saporito, e che da enormi soddisfazioni.
      a presto :)

      Elimina
  9. ciao Aurelia
    una ricetta squisita l'arista è un bel pezzo umido che così cotto darà il massimo il marsala poi completa alla perfezione il piatto!! ^_^
    baci

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Anna, il marsala, da una nota di dolcezza, fantastica, e le verdure mixerate, creano la giusta cremosità! E' un piatto, da tenere sempre presente.
      Un abbraccio

      Elimina
  10. Piatto eccellente.. segnata la ricetta!
    Buon 2013 Aurelia.. di vero cuore :)
    Un bacio
    Laura

    RispondiElimina
    Risposte
    1. E io ricambio quel bacio, con un caldo abbraccio, e ti ringrazio per essere sempre presente, sei una cara persona, Laura :)

      Elimina
  11. Buono questo secondo e bellissimi i buoni propositi ;)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. I miei due tesori :)
      Avevo bisogno di questi propositi...vorse vedendoli scritti, mi autoconvinco, e cerco di mantenerli :)
      Un bacione alle mie due bimbe <3

      Elimina
  12. Inizio d'Anno col botto! Mi piace un sacco l'arista con le sue salsine e al marsala deve essere davvero squisito.
    LA prossima cosa che preparerò, sempre sull'onda delle buone intenzioni dietetiche, sono le tue ciambelline di mele. Se c'è una cosa che mi piace sono le mele pastellate e fritte perché mi ricordano l'infanzia. Le ho appena viste qui in fondo e mi hai turbato alla grande! Ti abbraccio folle amica e ci vediamo presto, promesso!
    Pat

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ma ciao carissima,
      sai che questa ricetta, è riuscita a conquistarmi? L'ho riproposta anche ieri alla suocera, e visto che ne avevo fatta in abbondanza, stasera si replica :)
      Le frittelle di mele sono fantastiche, ma prima di avvicinarmi, devo stare come minimo 4 mesi a dieta ...anche a me, le feste natalizie, hanno lasciato un bel segnale, sul lato B :)
      bacione donna, ci vediamo a Firenze

      Elimina
  13. Anche a me l'arista piace molto e la uso spesso, però mi capita di sovente di non avere la più pallida idea di come cucinarla. Questa idea è fantastica!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Io sono come te, e se la presento in tavola, cotta normalmente, non sempre piace ... invece così, è tutta un'altra storia :)

      Elimina
  14. Ciao Aurelia,
    prima di tutto complimenti per le ricette e le splendide immagini, sembra tutto molto curato e raffinato. Vorrei chiederti se ti va di inserire il tuo blog sul nostro portale foodbloggermania.it , la community dei foodbloggers italiani. Se ti va puoi registrarrti a questo link :
    http://foodbloggermania.it/aggiungi-blog

    Si sono gia iscritti in tanti...
    Grazie!!

    RispondiElimina
  15. trovo la salsina alquanto invitante!

    RispondiElimina
  16. Che bella ricetta! Mi piace proprio: semplice e saporita. Te la rubo. Ciao e auguri di buon anno!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Jenny, sei la benvenuta , copia pure quello che vuoi, le ricette son qua apposta, per questo :)

      Elimina
  17. Cara Aurelia, ho cucinato con successo questa ricetta, che credo si presti bene anche per un bel pezzo di vitella o di tacchino, ma ho due piccolissime osservazioni da muovere: 1) due ore di cottura forse sono un po' troppe, la mia arista si sbriciolava al taglio; 2) un litro di latte forse è un po' troppo: la salsa era così tanta che, pur avendone presa tutti in abbondanza, con quella che mi è avanzata per due volte ho condito la pasta asciutta ed ho dato a mia madre la rimanente: troppo buona per buttarla, ma non ne potevamo più di mangiarla! Comunque, con queste due piccole variazioni, la rifarò di sicuro. Grazie Aurelia, perchè l'arista mi piace tanto.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Chiara, ho molto piacere che ti sia piaciuta ...
      vediamo i problemi riscontrati :)
      l'hai fatta intiepidire/raffreddare bene, prima di tagliarla? di solito la carne si sbriciola, se non è perfettamente raffreddata ...
      secondo quesito, la quantità di latte ...
      forse non si era ritirato del tutto?
      No, scherzi a parte, mi spiace che ti sia avanzata ... noi in 5, l'abbiamo fatta sparire subito, ma ti ripeto siamo in 5 e siamo tutti adulti.
      Comunque, inconvenieti a parte, è buona, vero? :)
      Spero di rileggerti presto

      Aurelia

      Elimina
    2. Cara Aurelia, la carne si era freddata, ma forse era un taglio non identico al tuo; il latte, dopo avere tolto la carne e frullato il tutto, l'ho fatto ritirare ancora, ma era ugualmente tanto. Certo non è un dramma: la pasta è venuta benissimo ed avrei potuto usarla anche diversamente, ma non ne avevo più voglia....grazie e cari saluti!

      Elimina
    3. mi segno la tua dritta, per condirci la pasta ...io da ingorda, me la spalmo sulla fetta di pane :))
      a presto

      Arelia

      Elimina

Ti ringrazio per essermi venuto a trovare, e per aver trovato tempo e voglia per commentare.
Puoi lasciare scritto quello che vuoi, un saluto, farmi una domanda, o anche una critica se costruttiva.