sabato 23 aprile 2011

Pan di ramerino




pan di ramerino

Ogni volta, che devo trovare qualche cibo o piatto, che parli della mia regione, entro immancabilmente in crisi…

Le miei radici, si stanno consolidando adesso…sto riscoprendo la mia regione, la mia città, i piatti famosi, e le tradizioni che non conoscevo, è un lavoro lungo e certosino, ma pian piano ci sto riuscendo.

Babbo, che era il “toscano”in casa, se ne è andato troppo presto, per potermi insegnare qualche piatto tipico… di lui mi sono rimaste le sue polente, i suoi castagnacci, il suo baccalà con le patate, la sua pasta con i ceci… ed anche la pasta troppo scotta,quando ritornavo a casa da scuola… ma Dio se era buona lo stesso!!!

Ma devo dire grazie anche a  mio marito, la parte pratese della nostra famiglia  se pian piano sto imparando ad essere una vera toscana, ma sopratutto una vera pratese.


Ho fatto appello alla mia memoria, e al mio fidato libro di cucina toscana…(oh, uno si arrangia come può … ) e mi sono venuti in mente questi panini morbidi, profumati di rosmarino, e di buona e dolcissima uvetta…Sono panini che qua in Toscana, ormai si trovano quasi quotidianamente, ma nella tradizione , erano panini che si consumavano nel periodo quaresimale, per l’esattezza nel Giovedì Santo.


Pan di ramerino


  • 500 g di farina 0
  • 240 g di acqua
  • 3 g di lievito di birra disidratato
  • 50 g di zucchero
  • 150 g di uvetta
  • 5 g di sale
  • rosmarino, o ramerino detto alla toscana…
  • olio di oliva circa 50 ml



Scaldate leggermente l'olio, poi unite il rosmarino e lasciatelo rosolare a fuoco dolce, poi togliete il tegame dal fuoco e lasciatelo insaporire per qualche ora.
Ammorbidite l'uvetta mettendola a bagno in acqua tiepida, poi toglietela, lasciatela scolare bene e fatela asciugare sopra a della carta da cucina.


Mettete la farina nella ciotola della planetaria ( chi non ha la planetaria, può impastare tranquillamente a mano), unite il lievito e date una prima mescolata a bassa velocità, poi iniziate ad aggiungere l'acqua, diciamo circa 240 g  poca alla volta finché non sentirete l'impasto morbido ma consistente,unite  il sale ed infine lo zucchero.
Iniziate a versare l'olio  facendolo scendere lungo il bordo della ciotola, lasciate che venga assorbito una parte, prima di aggiungere il resto.
Lavorate la massa con il gancio a spirale finché non sarà liscia e morbida, poi unite anche l'uvetta e con la velocità al minimo, fatela incorporare bene all'impasto.
Lasciate lievitare, coprendo l'impasto, fino al raddoppio.
Sgonfiate la massa e dividete in tanti pezzetti di circa 80 g e formate dei piccoli panini tondi.
Incidete la superficie  con 4 tagli a graticola, spennellateli d'olio e lasciateli lievitare ancora, coperti, fino al raddoppio.
Cuoceteli nel forno caldo a 190° finché non saranno dorati, sfornateli e spennellateli con uno sciroppo di acqua e zucchero, che avrete preparato sciogliendo 2 cucchiai di zucchero in 4 cucchiai d'acqua.





19 commenti:

  1. Buongiorno, tesoro! Ho intravisto il link su Fb e sono corsa a vedere perché so che fai sempre delle cosine sfiziose...:-) Questa ricetta è fantastica, porta fin sotto il mio naso il profumo della splendida Toscana che amo tanto, anche se, purtroppo, toscana non sono. Colgo l'occasione per farti i miei più belli e sinceri auguri per una Pasqua strepitosa in compagnia delle persone a te care! Un abbraccione affettuoso che più affettuoso non si può! <3

    RispondiElimina
  2. Ciao carissima, questi paninetti devono essere una favola. Provero' a farli nei prossimi giorni.
    Ne approfitto per augurarti una Buona Pasqua.
    Bacioni
    Marilena

    RispondiElimina
  3. Ciao Aurelia, è tanto che non ti sento, sto bene ma sono super impegnata.... dopo la comunione di marti faremo l'incontro, ok?
    buono il pan di ramerino lo adoro io lo mangio con gli affettati.
    Baci e Buona Pasqua a te e a tutta la tua famiglia.

    RispondiElimina
  4. mmmmmmmmm..buono!!!!Tanti auguri di Buona Pasqua!!!!!!

    RispondiElimina
  5. Il pandiramerino mi ricorda la mia infanzia: il nonno me lo comprava sempre durante la Quaresima... Buona Pasqua!

    RispondiElimina
  6. Che ricordi il pan di ramerino!! Quando ero bambina, la domenica mattina, passava un "omino" in bicicletta con una cesta piena di pan di ramerini e peschine e la mamma me ne comprava sempre uno.. Ho provato sai a rifarli ma non hanno più quel sapore!
    Ciao Aurelia! Ti auguro una buona Pasqua a te e famiglia!

    RispondiElimina
  7. Buona Pasqua a te, Aurelia! Che tenerezza sti piccoli panini profumati! Un abbraccio grande!
    Lory

    RispondiElimina
  8. Che profumino , buoni. Buona Pasqua!

    RispondiElimina
  9. ciao cara, Buona Pasqua anche a te!!
    Caterina

    RispondiElimina
  10. Che panini meravigliosi Aurelia!!!! E tanti, tantissimi auguri per una serena e felice Pasqua!!! Un bacio grande... :)

    RispondiElimina
  11. Meraviglioso il pan di ramerino, mi ricorda tanto la mia infanzia. Lo vendevano addirittura davanti alla chiesa....Bacioni e tantissimi auguroni, Simo

    RispondiElimina
  12. complimenti per la ricetta, sembra davvero deliziosa! un bacione e buona pasqua! :)

    RispondiElimina
  13. Tanti auguri di buona pasqua e...buon appetito !!
    Sara

    RispondiElimina
  14. Buona Pasqua e complimenti per la ricetta!

    RispondiElimina
  15. Auguri di una serena Pasqua, bacioni Mariacristina.

    RispondiElimina
  16. ne avevo sentito parlare ma in effetti mi mancava una ricetta valida.

    RispondiElimina
  17. Ciao Lucia, sei sempre molto gentile :)

    Marilena,un bacio anche a te.

    Cristina, facciamo passare la Comunione, e poi ci incontriamo :)

    Federica, ma hai cambiato immagine ! sei bellissima :)

    Ciao Francesca, benvenuta tra i miei profumi....

    Renza, l'omino in bicicletta...che ricordi, e che profumi.
    un bacio

    Lory, un abbraccio grande <3

    Mary, contraccambio gli auguri :)

    Ciao Caterina, un bacione a te e alla tua splendita famiglia.

    Valeee, ciaoooo
    un bacione grandissimo <3

    Simo...chissà quanti secoli, son passati...ha ha ha
    scherzoooo, un bacio, meravigliosa creatura <3

    Le ricette dell'amore vero,
    Grazie, sono veramente buoni...ovviamente, a chi piace il rosmarino :)

    Ciao fataricotta, piacere di incontrarti ;)

    Grazie Susy :)

    Un bacione, anche a te, Mariacristina <3

    Lucy, ora non hai più scuse, devi farli :)
    Un bacio

    RispondiElimina
  18. adoro il tuo post e.... sono toscana precisamente delle zone di mepoli, fucecchio ed il pan di ramenrinolo faceva mia nonna cosi come gli zuccherini dei quali non si trovano ricette, io ce l ho se vuoi provare a farli posso postartela come posso darti la ricetta di famiglia del pan di ramerino fammi sapere e se vuoi per ricette toscane chiedi pure che.... sono del mestiere

    RispondiElimina
  19. Ciao ...anonima, hai dimenticato di firmarti, ed io non posso darti un nome :)

    Mi faresti un super regalo, a condividere le tue ricette con me, se poi sono quelle della "Nostra" bella regione, ancora meglio...
    Mandamele pure via mail, se per te non è un disturbo, io le cucinerò, e posterò la ricetta con il tuo nome.
    Che altro dire, se non...che ti ringrazio di cuore per la tua gentilezza e disponibilità.
    Un grazie di cuore
    Aurelia
    P.S Dimmi come ti chiami ;)

    RispondiElimina

Ti ringrazio per essermi venuto a trovare, e per aver trovato tempo e voglia per commentare.
Puoi lasciare scritto quello che vuoi, un saluto, farmi una domanda, o anche una critica se costruttiva.