sabato 26 marzo 2011

Una giornata Giapponese... e tempura di pesce e verdure.

Se fino a pochi giorni fa, mi avessero chiesto, a cosa mi veniva in mente, pensando al Giappone, avrei sicuramente risposto, al paese del Sol Levante, del sorriso, dell’efficienza, della sicurezza, e della gentilezza, che contraddistingue il suo popolo.

Ma, se a distanza di pochi giorni, mi venisse riproposta la stessa domanda, sicuramente adesso risponderei…alla tragedia senza fine che sta attraversando questo paese, alla distruzione, alla devastazione, alla scossa tremenda che ha sconquassato quella terra così magica, all’onda mostruosa, che ha portato via con se, la vita di migliaia di persone, e tutti i loro sogni!

In qualche maniera dobbiamo far sentir loro, che è possibile ricominciare a vivere, se pur lentamente e con mille difficoltà, ma ce la possono fare…

Certo, da soli sarà difficile, ma con l’aiuto di tutti quanti, nessuno escluso, dobbiamo cercare di fare del nostro meglio, per aiutarli!

Ed è per questo, che domani a Massa, Valentina e Riccardo di CUCINANDO, insieme all’associazione IZUMI, e alla collaborazione di Meguni, la bravissima ragazza giapponese, che tiene i corsi presso Cucinando, allestiranno dei gazebi fuori dal negozio dove prepareranno, sushi, dolcetti, polpette giapponesi e verranno costruite figure in origami, con l'ausilio della scrittura Shodo (ideogrammi) si scriveranno nomi e parole a richiesta, tutto ciò in cambio di offerte che verranno poi devolute alla Croce rossa Giapponese!

giapponese

Io mi rivolgo a voi toscani, o pratesi…che oggi pensate di fare un salto al mare…

Invece di fermarvi a Viareggio, o al Forte…fate pochi km in più, e andate in piazza Mercato a Massa.

Sicuramente sarete accolti da persone fantastiche, sarete tra amici, conoscerete qualcosa di più di questo popolo favoloso, e farete del bene a chi in questo momento, ne ha veramente bisogno!!

E pensando al Giappone, e soprattutto alla sua cucina, oltra al sushi ed al sashimi, la prima immagine che mi passa davanti agli occhi, è un fritto perfetto, leggero e croccante, ovvero

Tempura di pesce e verdura

Tempura giapponese flickr

per 4 persone vi serviranno

4 fiori di zucca

1 carciofo

50 g di carota

1 zucchina

150 g di melanzana

400 g di filetti di pesce ( sogliola o branzino)

8 gamberi belli cicciotti

olio di semi di mais o di girasole

Per la pastella

100 g di farina

160 ml di acqua ghiacciata

1 tuorlo d'uovo, ben freddo

Tempura giapponese flickr2

Ho pulito e preparato le verdure, ho tagliato i filetti di pesce in circa 8 pezzi, ho tolto le teste ai gamberi, li ho sgusciati lasciando l’ultimo segmento con la coda ancora attaccato, ed ho sfilato l’intestino.

Ho preparato la pastella, mescolando bene il tuorlo, e poi ho versato l’acqua ghiacciata, ed ho continuato a mescolare, infine ho setacciato la farina, sopra alla ciotola, ed ho mescolato molto brevemente…se per caso rimangono dei grumi, non è assolutamente un problema.

Ho verificato che l’olio fosse caldo, immergendo qualche goccia di pastella… la goccia è arrivata fino a metà della profondità dell’olio, e poi è tornata subito a galla…perfetto…la giusta temperatura, circa 170°/180°!!

Ho passato le verdure nella pastella, un tipo alla volta… e le ho fritte, girandole da tutti i lati, poi le ho sgocciolate bene, e messe ad asciugare su della carta da cucina.

Poi è stata la volta del pesce…l’ho prima infarinato leggermente, e poi l’ho immerso nella pastella, friggendolo quindi nell’olio caldo.

Occhio ai bricioli di pastella che potrebbero rimanere nell’olio…vanno tolti con la paletta man mano, per evitare che brucino.

Ricordatevi di non tenere la ciotola vicino ai fornelli, per non scaldare la tempura, e usate ingredienti e contenitori, freddi…

Seguendo queste piccole regole, otterrete un fritto misto favoloso!

Un grazie particolare a Meguni, che si è prestata a scrivere il mio nome, ed i nomi di tutta la squadra di CUCINANDO, in giapponese…

Grazie Meguni

aurelia in giapponese

10 commenti:

  1. bellissima iniziativa Aurelia! e questo fritto leggero è uno spettacolo! il rosso d'uovo nella pastella sarà questo il trucco? baci Ely

    RispondiElimina
  2. un bel progetto di solidarietà , complimenti a valentina e riccardo e meguni ! meraviglioso tempura :-))

    RispondiElimina
  3. Meravigliosa questa frittura a me non vien mai bene ora mi stampo il tuo post e provo a seguirlo alla lettere. Casomai venisse ancora male aspetterò che me la prepari te!! Bellissima iniziativa, mi piacerebbe tanto andare ma con i bambini che appena li metti in macchina stanno male sarà difficile spostarci :( Baci baci ti lovvo

    RispondiElimina
  4. stupenda la tempura! la mangio con gli occhi! è venuta strabene! bacioni!

    RispondiElimina
  5. Comlimenti per l'iniziativa e anche per il tempura..
    che bontà! gnam gnam :)

    RispondiElimina
  6. la tempura sembra eterea e leggerissima.. mmm.. va fatta al più presto.. complimenti per la ricetta e per la bella iniziativa per il Giappone!

    RispondiElimina
  7. Ciao Ely...penso che sia più merito dell'acqua ghiacciata :))
    un bacione a tutta la tua splendida ciurma <3

    Grazie Carola, anche da parte di Riccardo, Valentina, Lory e Meguni :)

    Ok...affare fatto...appena ci vediamo, se non ti riece bene, ti faccio una bel fritto misto :))


    Grazie, Le ricette dell'amore vero <3...è proprio un bel fritto :))

    Grazie Gigi :)

    Grazie Giovanni :))e grazie anche da parte di tutto il team :)

    RispondiElimina
  8. non amo friggere...ma questo mi fa impazzire e ci faccio un pensierino.

    RispondiElimina
  9. saranno anche buona questa tempura a volte l'ho provata, ma per me la frittura alla viareggina rimane la migliore al mondo...

    RispondiElimina
  10. mmm ma che bontá ... domani ci provo magari solo con le verdure

    RispondiElimina

Ti ringrazio per essermi venuto a trovare, e per aver trovato tempo e voglia per commentare.
Puoi lasciare scritto quello che vuoi, un saluto, farmi una domanda, o anche una critica se costruttiva.