lunedì 1 dicembre 2014

Chocolate magic custard cake, o più semplicemente la torta magica al cioccolato.



magic custard cake chocolate





Di nuovo una torta magica sulle pagine di Profumi in Cucina.


Dopo aver provato questa ricetta, nel lontano 2008, ed averla dimenticata per la troppa quantità di cioccolata, dopo aver provato la versione al limone, ed averla abbandonata per l'odore di "freschetto"che emanava per via della quantità di uova, ecco che in rete, trovo una nuova versione che mi cattura, soprattutto per la sua immagine golosa, e decido di nuovo di lasciarmi tentare, e di dare a questo dolce, una nuova possibilità.

La ricetta che ho seguito questa volta, la potete  trovate qua, tra le pagine di In TheMood for Pies, che ringrazio per avermi fatto ricredere, su questa torta.

Mi piace la sua consistenza, mi piacciono i suoi tre strati golosi, e mi piace anche che il suo gusto non sia troppo cioccolatoso, ma soprattutto mi piace la sua velocità di esecuzione, che dal pensare di farla al poterla gustare, se non fosse per il fatto che va lasciata qualche ora in frigorifero, è veramente un lasso di tempo, molto breve.

Io appena sfornata, l'ho messa direttamente in abbattitore, quindi dopo veramente pochissimo tempo, avevo la mia torta magica, pronta per essere servita.


Per una teglia 20x20


  • 115 g burro sciolto e raffreddato
  • 600 ml latte appena tiepido
  • 115 g farina
  •  40 g cacao
  •  4 uova separate
  • 210 g zucchero
  • 2 cucchiai di caffè espresso
  • 1 cucchiaino di estratto di vaniglia
  • zucchero a velo







Per prima cosa, dovete setacciare il cacao e la farina, poi montate i bianchi dell'uovo a neve, ma fate attenzione a non farli troppo sodi, perché altrimenti il dolce non verrà omogeneo, ed infine montate i rossi con lo zucchero finché non saranno bianchi. Aggiungete il burro sciolto, il caffè e l'estratto di vaniglia.

Aiutandovi con una frusta, unite la farina ed il cacao setacciati, ed infine il latte. Vi accorgerete che il composto è molto liquido, ma va bene così.

Unite i bianchi montati a neve non troppo soda, e mescolate delicatamente. Sicuramente non si amalgameranno alla perfezione, ma va bene lo stesso, l'importante è che non si formino, blocchi troppo grossi.

Imburrate ed infarinate uno stampo 20x20, versate il composto,  e cuocete la torta nel forno già caldo, a 160°  per circa 50 minuti.
Al momento che la sfornerete, vi accorgerete che la consistenza sarà ancora morbida, ma lo deve essere, quindi lasciatela raffreddare senza toglierla dallo stampo, e mettetela in frigo, per almeno 3 ore.

Servite la torta magica tagliata a cubotti, e spolverizzatela di zucchero a velo


9 commenti:

  1. Che bello Aurelia , sono così contenta che ti sia piaciuta . Io ne ho mangiata metà da sola , mi piace troppo . Bravissima e grazie di aver provato.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Anna,grazie mille per la ricetta...in effetti,se inizi ad assaggiarla...difficilmente si riesce a fermarsi in tempo :)

      Elimina
  2. Hai abbattuto anche me! Ma veramente magica la definirei.
    E l'avevi anche accantonata? :-D

    Fabio

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Fabio, ma vogliamo parlare del dolce,che avete postato questa mattina?grazie mille per i complimenti, ora passo da voi ;)

      Elimina
  3. io volevo commentare... ma sono svenuta....

    RispondiElimina
  4. Dunque mi trovo costretta a provare sta cacchio di torta! gira e rigira continua ad apparirmi sul monitor del pc! Devo farla! :)
    Complimenti per il blog!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ehhh, mi sa proprio di si! Devi cedere alla tentazione e provare a farla :)

      Elimina
  5. Ciao Aurelia! Oggi finalmente un po' di tempo solo per me e così mi è venuta voglia di girare tra le pagine dei blog delle tante persone meravigliose conosciute a Siena! E più giro e più mi rendo conto che il livello qualitativo di molti blog è superiore ad ogni mia aspettativa, il tuo non è certo da meno! Questa ricetta poi è spettacolare e.... goduriosissima! Silvia (Pane e Pomodoro)

    RispondiElimina

Ti ringrazio per essermi venuto a trovare, e per aver trovato tempo e voglia per commentare.
Puoi lasciare scritto quello che vuoi, un saluto, farmi una domanda, o anche una critica se costruttiva.