lunedì 4 luglio 2011

Risotto alla mortadella di Prato, profumato al limone e rosmarino

risotto alla mortadella di Prato, profumato al limone e rosmarino

Se vi dicessi Prato, e vi chiedessi cosa conoscete della cucina pratese, voi cosa mi rispondereste? Sicuramente dei Biscotti di Prato, dei famosi cantucci del Mattei, conosciuti in tutto il mondo, e portabandiera culinari della mia città! Certamente sono buoni e rinomati, ma state sicuri, che non sono le uniche eccellenze gastronomiche di questa città! Oggi mi piacerebbe farvi conoscere la mortadella di Prato, un salume che è apparso in città, diciamo dagli anni 50, nato per consumare quelle carni di scarto, che erano servite a preparare la famosa finocchiona, o qualche altro salume.La ricetta che oggi viene usata per produrre questo favoloso salume, è stata notevolmente ingentilita e migliorata,tagli non più di scarto, spezie, e il famoso alchermes, che oltre al colore rosato, regala alla mortadella un profumo particolare e delicato, tanto da far divenire la mortadella, un presidio Slow Food.

Ho cercato da qualche parte, delle ricette che la vedessero protagonista, ma non trovando niente, ho pensato bene, di elaborarne qualcuna , per cercare di far uscire da queste mura antiche, e da questa città con tanta voglia di rinascere, un’ altra eccellenza gastronomica, che faccia capire al resto dell’Italia e del Mondo, che Prato non è solo città di stracci e cantuccini, ma abbiamo ancora tante cose buone, da farvi conoscere .



risotto alla mortadella di Prato, profumato al limone e rosmarino.2jpg

Risotto alla mortadella di Prato, profumato al limone e rosmarino

per 4 persone

360g di riso Carnaroli

80 g di mortadella di Prato tagliata in una unica fetta

1/2 cipolla di Tropea ( che non sia enorme)

1 litro di brodo di carne

vino bianco per sfumare il riso

burro

parmigiano grattugiato

scorza di limone tagliata a julienne

rosmarino tritato finissimo

sale e pepe

Praticamente i passaggi sono quelli per preparare un classicissimo risotto, quindi… tritiamo la cipolla e la facciamo rosolare delicatamente nell’olio, finché non diventa trasparente, poi uniamo il riso e lo facciamo tostare, per un minuto circa, ed infine lo sfumiamo con il vino bianco. Quando tutto l’alcool sarà evaporato, inizieremo ad aggiungere il brodo bollente, e porteremo a cottura il risotto. A pochi minuti dalla fine della cottura, tagliamo a cubetti piccoli la nostra mortadella di Prato, e la facciamo scaldare leggermente sopra ad una padella antiaderente, togliendola dopo pochi istanti… non deve cuocere, ma riscaldarsi soltanto.

Prepariamo il battuto di rosmarino, mantechiamo il risotto con il parmigiano e la noce di burro, aggiungiamo i cubetti della mortadella, una mescolata delicata, il rosmarino tritato, e una grattugiata leggera di limone .

Il nostro risotto alla mortadella di Prato, è pronto per essere gustato!

35 commenti:

  1. Eccola qui questa ormai famosissima mortadella!!! Che fame che mi hai fatt ovenire con questo risotto! E' molto bello presentato così! :-* :-D

    RispondiElimina
  2. Ne hai elaborato uno perfetto in profumo e sapore...bravissima...ciao cara.

    RispondiElimina
  3. Accidenti abito vicino a te eppure non ho mai sentito parlare della mortadella di Prato...possibile? Eppure è anche uno dei salumi che più preferisco...devo rimediare! Intanto però mi copio la ricetta di questo risotto...così non appena trovata la mortadella pratese lo posso provare subito! ,-)

    RispondiElimina
  4. Aurelia....ma è buonissimo!!!un abbraccio

    RispondiElimina
  5. Ma che stupendo risottino Aurelia!! E che bella presentazione!! Credo che te lo copierò appena compro un pezzo della nostra mortadella!
    Ciao e buona giornata!

    RispondiElimina
  6. che bello questo risotto..si presenta benissimo e gli aromi devono dare quel tocco in più!

    RispondiElimina
  7. un risotto sicuramente molto particolare...poi la mortadella è di una bontà :-DD

    RispondiElimina
  8. mi piace,e che bellissima presentazione :)

    RispondiElimina
  9. La mortadella già è buona di suo, se poi è di Prato... bellissima presentazione, molto elegante! Brava come sempre...

    RispondiElimina
  10. Il tuo abbinamento mi incuriosisce troppo...mi tocca provare. La mortadella l'adoro però non ho mai realizzato primi piatti....da provare cara Aurelia! :-)

    RispondiElimina
  11. sono ancora in vacanza ma giro per vedere cosa avete combinato e cara Aurelia questo risotto non sai quanto mi ispira!!!bacioni dalla Sicilia...ma torno e presto ormai

    RispondiElimina
  12. ma come mi è sfuggito questo risotto saporito!? bah è proprio colpa del caldo! annoto subito per mettre in opera quanto prima!
    che bontà!

    RispondiElimina
  13. Un risotto sublime per un ingrediente delizioso come la mortadella! Non mi sarebbe mai e poi mai venuto in mente... 10 anche per l'originalità!
    Un bacio

    RispondiElimina
  14. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

    RispondiElimina
  15. mortadella e riso... mai provati, ma l'aspetto è moooolto invitante! slurp =)

    RispondiElimina
  16. Un piatto creativo e di buon sapore, ti faccio i miei più sentiti complimenti.

    Ricette tipiche italiane

    RispondiElimina
  17. Love mortadella and this recipe is great for it. Thanks

    RispondiElimina
  18. Bellissima la presentazione, tutte le tue foto mi fanno sempre venire l'acquolina, complimenti!
    Da qualche giorno mi sono avventurata anch'io con le mie semplici ricettine, vienimi a trovare:

    http://cucinaspensierata.blogspot.com/

    RispondiElimina
  19. Ho un lieve capogiro nell'ammirare questa delizia. Certo che la conosco la mortadella di Prato, non per niente sono Toscana, ma metterla in un risotto mai e poi mai ci avrei pensato. Fantastica ricetta, da provare immantinente. Un abbraccio, Pat

    RispondiElimina
  20. Aurelia come al solito vedo con notevole ritardo tutto ciò che le altrui menti elaborano e creano in tempi decisamente precedenti!
    Meglio tardi che mai...in effetti è una bella scoperta, ad un risotto con mortadella proprio non avevo mai pensato, ma è un salume così ghiotto, ricco e profumato che certamente regalerà una nota speciale al piatto!

    Un saluto

    Fabi

    RispondiElimina
  21. Sembra buonissimo! Anzi credo proprio che lo sia. Mi piacerebbe provare a farlo un giorno. Grazie mille! =D

    RispondiElimina
  22. Scusate se rispondo solo ora... sono una somara imperdonabile, ma vi ringrazio tutti, dal primo all'ultimo, veramente di cuore...
    E' una ricetta a cui tengo molto, un modo per valorizzare i fantastici prodotti culinari, che abbiamo qua a Prato, e non sono tanto conosciuti ...
    Grazie a
    Ago
    Max
    Claudia
    marta
    Renza
    Sulemaniche
    Ros
    Mirtilla
    Ramona
    Lucy
    Gio
    Fico secco e Uva passa
    Serena
    ricette tipiche
    Marco Pasha
    Elisa
    Patty
    lerocherhotel
    Fabiana
    Macogio
    Ancora grazie e un abbraccio a tutte/i

    RispondiElimina
  23. Non conoscevo la mortadella di prato oggi oggi conosco questa nuova bontà e te ,e la prima volta che ti leggo e sono rimasta colpita dal tuo blog ,da oggi divento una tua lettrice ...Ciao e a Presto!!!

    RispondiElimina
  24. Prato dista un'oretta scarsa di treno da casa mia, in più era già in programma una visita per un pranzo in un ristorante di pesce, potrei così procurarmi la mortadella, questo risotto è già entrato di diritto nei piatti di prossima preparazione.
    Complimenti per il tuo blog, l'ho scoperto solo ora ma ho già visto una serie di ricette che voglio assolutamente provare.
    Ciao, Sara

    RispondiElimina
  25. Giovanna, grazie del complimento, e benvenuta nel mio blog, spero che troverai tante ricette interessanti :)

    Sara,
    dista circa un'oretta... mi sa che sei di Bologna, allora... :)
    In città ci sono due salumerie che vendono questa bontà, se ti interessa, ti posso dare l'indirizzo ...
    Grazie per i complimenti e per la tua visita :)

    RispondiElimina
  26. Aurelia, io abito in provincia di Bologna, più esattamente a Pianoro, quindi ancora più vicina a Prato. Mi farebbe molto comodo avere gli indirizzi delle salumerie dove trovare il prodotto migliore, così vengo al sabato mattina, faccio acquisti e poi mi godo il pranzo.
    Grazie, Sara

    RispondiElimina
  27. Allora facciamo uno scambio ecquo... io ti do gli indirizzi, e tu mi dici dove vai di bello a mangiare il pesce :)

    Allora la prima salumeria è la macelleria salumeria Conti, via San Giusto 9
    la seconda
    macelleria Mannori
    via Vergaio 18/20
    sono tutte e due ottime... a te la scelta :))

    RispondiElimina
  28. Mamma mia che bontà!! :) Da ora ti seguo!

    RispondiElimina
  29. Grazie Aurelia!! Faccio tesoro degli indirizzi delle macellerie. Per quanto riguarda il ristorante, vorrei pranzare da Tonio in Piazza Mercatale 161, non ci sono mai stata ma pare si mangi bene, anzi, se lo conosci, dimmi cosa ne pensi tu.
    Conto di venire a Prato tra Settembre e Ottobre, quando le temperature saranno più clementi permettendo di cucinare per ore in cucina senza sciogliersi, in tutti i modi ti manderò una mail, se sarai in zona e avrai un po' di tempo si potrebbe prendere un caffè e una pesca dolce!!!
    Grazie ancora, Sara

    RispondiElimina
  30. Un piatto delizioso e impiattato divinamente! Complimenti!

    RispondiElimina
  31. Ciao Aurelia, complimenti per il bel blog e per questo fantastico risotto, gustosissimo e presentato in maniera impeccabile. Ti seguo con grande piacere

    RispondiElimina
  32. Deve essere divino!!!Lo proverò grazie

    RispondiElimina
  33. Questo risottino mi ha incantato anche per la scelta di questo salume poco conosciuto da altre parti...da buona pratese..complimenti!!!

    RispondiElimina
  34. Ciao Aurelia, ti ho conosciuta tramite questa ricetta sul numero di ottobre di A Tavola; l'ho fatta e trovata splendida; la posto nel mio blog, mettendo il link al tuo...spero non ti dispiaccia...se hai qualche cosa in contrario non esitare a farmelo sapere, grazie, ciao, Mila

    RispondiElimina

Ti ringrazio per essermi venuto a trovare, e per aver trovato tempo e voglia per commentare.
Puoi lasciare scritto quello che vuoi, un saluto, farmi una domanda, o anche una critica se costruttiva.