giovedì 12 novembre 2009

Strudel de pomi...ovvero strudel di mele!


Trentatré trentini entrarono a Trento tutti e trentatré trotterellando...

Naa, tranquille...non sono impazzita,è che la parte trentina che ho dentro di me ogni tanto salta fuori e mi gioca brutti scherzi.

In effetti, da una mamma trentina un babbo pistoiese...io che sono nata a Prato...cosa poteva venir fuori,se non un mescolone di usanze ,tradizioni e ricette regionali!

Il bello di essere mezza trentina, ha fatto sì che qualche settimana fa è arrivato a Prato un camper, dritto dritto da Trento, carico de pomi...ops di mele golden!
Buone,profumate,croccanti...una delizia!

E quale miglior degna fine di questa frutta preziosa, se non un buonissimo strudel?


Strudel di mele


Ingredienti per 6 persone

Per la pasta
300 g di farina 00
60 g di burro fuso
1 uovo
1 cucchiaino di zucchero
1 bicchierino di acqua tiepida
un pizzico di sale

Per la farcia

1 kg di mele golden o renette
30 g di pangrattato leggermente dorato in padella con una nocina di burro
un pizzico di cannella
la scorza di un limone grattugiata
la scorza di un'arancia
60 g di uvetta ammollata in un bicchierino di rum
50 g di zucchero
60 g di pinoli
1 tuorlo d'uovo mescolato con un goccio di latte,per lucidare la superficie dello strudel
zucchero a velo

Sulla spianatoia o nella planetaria, si lavorano tutti gli ingredienti aggiungendo acqua tiepida solo se è necessario, fino ad ottenere un'impasto liscio ed abbastanza morbido.
Mettere la pasta che abbiamo ottenuto, in una insalatiera, la copriamo con della pellicola e la appoggiamo su una pentola che conterrà dell'acqua bollente, per un'ora circa.
Intanto sbucciamo le mele,le tagliamo a fette sottili e le ricopriamo con lo zucchero semolato,la cannella, le scorze grattugiate, i pinoli,l'uvetta ed il pangrattato.

E' il momento di riprendere la nostra pasta, che nel frattempo avrà perso il nervo e sarà molto più morbida e docile da stendere.
La stendiamo con il mattarello,infarinandola se è necessario e la mettiamo su di un canovaccio pulito,copriamo con le nostre mele distribuendole bene, ed aiutandoci con il canovaccio, iniziamo ad arrotolare il nostro strudel.
A questo punto saldiamo benissimo i bordi, mettiamo il tutto sulla teglia del forno coperta con la carta apposita,spennelliamo con il tuorlo d'uovo e mettiamo in forno già caldo a 180°per 40/50 minuti circa,lasciando cuocere e dorare.
Sforniamolo,lasciamolo raffreddare e spolverizziamolo con lo zucchero a velo.

8 commenti:

  1. Che buono lo strudel non mi sono ancora cimentata a farlo ma il tuo e venuto veramente bene complimenti

    RispondiElimina
  2. strabuonooooo!!!una fetta piu' che volentieri la prendo posso???baci

    RispondiElimina
  3. ciaoooooo:questo strudel è quasi uguale alla ricetta della mia mamma....buonissimo...come stai?tutto bene?buona serata.ciao katia

    RispondiElimina
  4. @Steval
    ciao e benvenuta!
    Non è difficile sai,ed è molto ma molto buono.
    @Federica
    ciao belllissima,come stai?
    grazie per il bravissima...
    @Scarlett
    Ma pregoooo, è qua per questo...per essere condiviso con le amiche...
    @Katiaaa
    ciaooo,scusa se non sono passata, ma ho un periodo diciamo"intenso"
    Quel quasi uguale, mi incuriosisce molto...
    In cosa si differenzia?
    Fammi sapere...
    Un bacio

    RispondiElimina
  5. Buonissimo questo strudel!! un dolcer semplice, veloce e proprio caldo!!
    bacioni

    RispondiElimina
  6. Ciao ragazze...
    si in effetti è un dolce molto veloce, e diciamo anche abbastanza leggero...
    e poi con queste giornate uggiose,si addice molto.
    Grazie per essere passate

    RispondiElimina
  7. carissima, sono venuta a vedere è devo dire che solo a guardare sono ingrassata un paio di chili,tu sai che non me la posso permettere comunque non importa ti ho aggiunto ai miei preferiti e ti verrò a trovare spesso una buona serata Loredana

    RispondiElimina

Ti ringrazio per essermi venuto a trovare, e per aver trovato tempo e voglia per commentare.
Puoi lasciare scritto quello che vuoi, un saluto, farmi una domanda, o anche una critica se costruttiva.