mercoledì 27 agosto 2014

Pavlova

Pavlova


Ho una predilezione per le meringhe! Da bambina, quando andavo a trovare Suor Maria Pia nel convento di clausura, tornavo sempre a casa con quelle deliziose meringhe bianche e croccanti, cucinate proprio da Lei.
Le ho preparate tante volte, e se cercate nel blog troverete la ricetta ed il racconto in cui parlo di Lei,
ma con le meringhette non ho mai avuto grossi problemi di esecuzione, mentre con la Pavlova, son sempre stati dolori.
L'esecuzione poteva andare, ma quando le sfornavo erano giallognole. e screpolate, e io le volevo perfette! 
Mi sono sacrificata lo stesso...e mica le ho buttate nella pattumiera... il sapore c'era ed anche tutto il resto, ma anche l'occhio vuole la sua parte.
E così, gira che ti giro per il web, alla ricerca dell'esecuzione perfetta, finalmente l'ho trovata!!






pavlova2




 Ho seguito i consigli di La Tana del Coniglio, e le mie mini Pavlove,sono venute perfette.
Seguite tutto alla lettera, e anche le vostre pavlove, saranno come le mie :)


Ingredienti

150 g di albumi
150 g di zucchero a velo
150 g di zucchero semolato

panna fresca da montare
frutta fresca a piacere

Riscaldare il forno a 105°.
Pesate gli albumi e ricordate che il peso dello zucchero deve essere identico al peso del bianco dell'uovo... se l'albume pesasse 148g, peserete 148g di zucchero a velo e 148 g di zucchero semolato, mi raccomando alla massima precisione.

Mettete nella planetaria gli albumi e la metà dello zucchero a velo e di quello semolato. Azionate la macchina e montate a neve ben ferma, deve rimanere un bel pennacchio sodo sulla frusta.
A questo punto setacciate gli zuccheri rimasti sul composto e aiutandovi con una spatola in silicone, mescolate delicatamente dall'esterno verso l'interno con movimenti circolari.


Disegnate dei cerchi sul retro della carta forno, mettete l'albume montato in una sacca da pasticcere con la punta liscia e disegnate un cerchio concentrico che servirà da base.
Poi salite lentamente, giro dopo giro, creando  un vuoto all'interno che verrà riempito in seguito,con la panna montata.



           


pavlova3 

Infornate e fate cuocere per circa 1ora e 15 minuti, stando attenti a non far colorire le meringhe.Una volta cotte, spegnete il forno e lasciatele intiepidire  al suo interno.Sfornatele e fatele raffreddare completamente.Potete conservare le meringhe fino al momento del loro utilizzo, in sacchetti per alimenti oppure dentro a delle scatole di latta, anche per svariati giorni..
Montate la panna, senza zuccherarla, riempite le meringhe utilizzando un sacchetto da pasticcere con la punta a stella, oppure liscia e decorate con la frutta che più vi piace.


3 commenti:

  1. Sono candide, belle e sognanti come le nuvole del cielo! Che splendore, veramente. Ti sono uscite alla perfezione.. che tenero immaginarti bambina, sai? Con quelle meringhette della suora. Credo che ci siano cose che, come per Proust con le madeleines, restino dentro acquisendo un significato unico e speciale. Una percezione eterna. Un abbraccione

    RispondiElimina
  2. e' proprio vero, sono perfettissime!

    RispondiElimina
  3. Sono semplicemente perfette! Visto come restano belle bianche e mantengono bene la forma? Anche io avevo il tuo stesso problema, ma adesso che ho imparato il trucchetto non mi ferma più nessuno :)
    Sono davvero felice che la ricetta ti sia piaciuta! Grazie di cuore per averla provata!
    Un abbraccio

    RispondiElimina

Ti ringrazio per essermi venuto a trovare, e per aver trovato tempo e voglia per commentare.
Puoi lasciare scritto quello che vuoi, un saluto, farmi una domanda, o anche una critica se costruttiva.