lunedì 4 novembre 2013

Zuppa di cipolle alla birra. Ovvero, guarda come ti adotto una ricetta...




Nel mondo del food blog, ci sono vari tipi di ricette.Ci sono le ricette inventate, quelle tramandate di generazione  in generazione, ci sono quelle copiate dall'amica di blog, oppure quelle prese dai vari libri o riviste di cucina, e poi da qualche settimana, ci sono quelle "Orfane".Si avete capito bene, esistono anche quelle orfane :)
Le ricette orfane sono le ricette del blog, di una cara amica, tale Alessandra da Genova, che dopo accurata riflessione, ha deciso di non scrivere più sul suo blog, che curava insieme alla sua amica Daniela, ed ha abbandonato MenuTuristico.
Le sue ricette adesso, vengono lasciate pronte per essere adottate, su una pagina facebook, che si chiama Ricette Orfane, e solo chi ha il dito veloce, e lo sguardo attento, se le può aggiudicare, e riproporre nel suo blog.
Io ho scelto questa zuppa di cipolle alla birra ...
Per questa volta, non modifico nemmeno il testo, ve la regalo così come l'ha scritta Alessandra...








 Ho sbucciato, affettato e lacrimato su 5 cipolle bianche, che poi ho messo in una casseruola larga e dai bordi non altissimi (quella in cui preparo lo stufato, per capirci), a caramellare. Poco olio, appena è caldo si versano le cipolle, le si fa andare per una decina di minuti, con un po' di sale, mescolando spesso e quando iniziano a diventare tenere, si copre con acqua, si abbassa la fiamma e si copre. Quaranta minuti come minimo, anche se la ricetta dice un quarto d'ora. Nel frattempo, si prepara un brodo vegetale o, meglio ancora, di carne. in quel caso lì "nel frattempo" è troppo poco: o avete scorte nel freezer o avete un'amica come ho io che mi rifornisce di barattolini con contenuti sulla cui estistenza ho smesso di interrogarmi, che non sia mai che debba rinunciare a fare dei brodi così buoni in due minuti.
Dopo 40 minuti, le cipolle saranno marroncine e tenerissime: aggiungete due foglie di alloro, un cucchiaino di bacche di ginepro, uno spicchio d'aglio e 330 ml di birra. La ricetta diceva bianca, io ho usato una rossa piuttosto leggera e devo dire alla fine ero soddisfatta. Ho fatto sfumare per qualche minuto, poi ho coperto con il brodo (mezzo litro, circa)e ho proseguito la cottura, per mezz'oretta, anche qualcosina di più. Fiamma bassissima, recipiente coperto. Da qui in poi, ho fatto di testa mia: ho fatto leggermente tostare due belle fette di pane casareccio e le ho messe sul fondo di una teglia, di misura con il suo fondo, ho coperto con la zuppa, privata dell'alloro e dell'aglio. Ho grattugiato sopra il pane abbondante emmenthaler svizzero (è più pungente di quello bavarese, sta meglio con la birra) e ho infornato a 210 gradi per un quarto d'ora. Quando la superficie era completamente gratinata ho sfornato, ho lasciato raffreddare leggermente e poi ho servito, con una spolverata di pepe nero, macinato al momento.

11 commenti:

  1. E io purtroppo non ho ancora avuto il dito velocissimo per accaparrarmi qualche buona ricetta..

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sonia, vedrai che ci riuscirai anche tu :)

      Elimina
  2. Ecco, io sto ancora sbavando da quando ho visto questa ricetta per la prima volta, ancora orfana.
    Devo rifarla, perché aggiunge quell'amarognolo in più rispetto alla (quasi uguale) ricetta di zuppa di cipolle di mia madre, che fa resuscitare i morti (diamo a Cesare quel che è di Cesare).

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Giulia, e se condividessi la ricetta della mamma?
      La famosa zuppa di Cesare? :)))

      Elimina
  3. adoro le zuppe e non ho parole per la tua. Ho solo una soluzione al problema ... prepararmela e papparmela!!! Buona giornata

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ottima soluzione, e ottima zuppa :)
      Un abbraccione

      Elimina
  4. Non ci conosciamo ancora, anche se ti leggo spesso :-p ma conosco la tua amica di Genova :-D e so che questa ricetta deve essere strepitosa e hai fatto benissimo ad adottarla. :-)
    Ah, ora che ci penso, tu devi essere Aurelia! :-)

    Fabio

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Gentilissimo Fabio/Massimo ...
      in effetti, non credo che io e Lei ci conosciamo.
      Sinceramente, io conosco bene Massimo, simpaticissimo food blogger, ma Lei, non credo che Lei abbia avuto la fortuna di conoscerlo!!!! hahahahha
      facciamo così...
      Piaceeeeereeeee, io sono Aureliaaaaaa

      Un bacio a quella poera donna, che ti sopporta :)

      Elimina
  5. mamma!!!! :-)
    ma è bellissima!!! e lo sapevo che da te avrebbe trovato una gran bella casa!!! Grazie!!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Detto da te, è un gran bel complimento :)
      Grazie mille, per avermi dato l'opportunità di poter conoscere questa ricetta.
      sono prontissima, a adottarne altre ...

      Elimina
  6. ciao Aurelia
    ma che stà succedendo???

    RispondiElimina

Ti ringrazio per essermi venuto a trovare, e per aver trovato tempo e voglia per commentare.
Puoi lasciare scritto quello che vuoi, un saluto, farmi una domanda, o anche una critica se costruttiva.