martedì 15 febbraio 2011

Alchermes di Firenze

alchermes di Firenze 2

Profumo antico, speziato…di un tempo che fu!

Questo è l’alchermes di Firenze, un liquore estremamente profumato di spezie, quasi a voler stordire i sensi

di chi si appresta ad assaggiarlo… di un bel color rosso rubino, che riesce a regalare il suo colore alla pasticceria

che sarà così fortunata da potercisi tuffare dentro, un liquore da conservare con cura, da usare con parsimonia, prezioso quasi fosse un bellissimo gioiello.

Mi sono divertita molto a farlo, sembrava quasi di essere una antica speziale, armata di mortaio e pestello, ho frantumato e pestato le miei spezie, mi sono inebriata dei suoi profumi, ho lasciato il tutto in infusione nell’alcool per 15 giorni, ho agitato il mio grande barattolo tutti i giorni, ho fatto lo sciroppo di acqua e zucchero, ho filtrato il mio composto, ed ho unito i due liquidi…creando così il mio primo liquore scarlatto.

Ora il prossimo passo, saranno le famose Pesche di Prato… dove l’ingrediente fondamentale, è sicuramente un eccellente Alchermes!

Alchermes di Firenze

alchermes di Firenze

per circa 2 litri di liquore

Alcool puro a 95° 600 gr
Zucchero 600 gr
Acqua di rose 100 gr ( trovata alla Conad )
Cocciniglia 10 gr ( erboristeria Gremoni zona stazione di Firenze)
Cannella 10 gr
Coriandolo 10 gr
Macis 3 gr

Cardamomo 10 granelli
Chiodi di garofano n°4
Scorza d'arancio dolce 5 gr
Anice stellato (fiori) 3 gr
Vaniglia mezzo baccello

Pestare nel mortaio tutte le droghe meno la vaniglia da tagliare a pezzettini e

mettere in un bottiglione con l'alcool e 300 gr di acqua pura.

Tappare il recipiente e lasciare in infusione per un paio di settimane,

ricordandosi di agitarlo almeno una volta al giorno.

Trascorso questo tempo, far sciogliere a freddo lo zucchero in mezzo litro d’acqua pura, e

unire il tutto all’infuso per altre 24 ore.

Alla fine, con un cono di carta da filtro per caffè all’americana, filtrare il liquore e aromatizzarlo

con l’acqua di rose.

Ecco qua il nostro alchermes, da bere con parsimonia e da usare con i dolci più buoni che

riuscirete a sfornare…

18 commenti:

  1. oh! deve essere buonissimo! mi pare già di sentirne il profumo così speziato...
    però queste spezie non le ho mai sentite nominare, a parte i chiodi e l'anice stellato...
    dove potrei cercarle? erboristeria o drogheria?? qui nel mio paese non c'è molta possibilità... :((
    tu come stai???
    un bacione e tanti auguri, alla neo diciottenne!!
    Caterina

    RispondiElimina
  2. caspita deve essere una bomba, sarei curiosa di assaggiarlo!

    RispondiElimina
  3. ...da bere con parsimonia non si può sentireeeeeeeeeeeeee! hehehe
    comunque a parte gli scherzi Aurelia, devo elencare i complimenti:
    1) la seconda foto è stratosferica luce perfetta !
    2) la tua descrizione come sempre esaurientissima
    3) il liquore scarlatto come lo chiami tu...e a me piace più che alchermes... ha un colore spettacolare!
    ....cosa ne dici ...mi sono guadagnata un ..cicchetto?....ti dirò, adesso ne avrei proprio bisogno!
    hic!
    un bacio la tua Pippi

    RispondiElimina
  4. Mai bevuto. Mi potrebbe piacere molto ;-) Io adoro le spezie. Quel rosso rubino poi mi attira tanto....se riesco a trovare tutti gli ingredienti quasi quasi lo preparo.
    Brava Aurelia, grazie per l'idea e per le slendide foto.
    Alla prossima
    Rosalba

    RispondiElimina
  5. deve essere delizioso,eppoi e'adattissimo come bagna per i dolci :)

    RispondiElimina
  6. tanto ha fatto che c'è riuscita.... mannaggia....
    Ma l'acqua di rose, non è quella che abbiamo comprato insieme...
    Ma l'hai trovata alla conad?????
    incredibili queste conad toscane....
    e tutte le altre cosine incredibili?
    vabbè mi sa che faccio prima se me lo fai tu... va.... va bene accetto.
    bacioni

    RispondiElimina
  7. Oh che meravglia! Immaginiamo che profumo...

    RispondiElimina
  8. Aurelia sei un mito, io quando devo usare l'alchermes mi incanto a quel suo colore e profumo, è tanto che voglio provare a farlo ma mi sono sempre scoraggiata per la reperibilità degli ingredienti ma se non li trovo qui vengo a Firenze.
    un bacione sei stata bravissima

    RispondiElimina
  9. Ciao! gurda un po' qualche giorno fa ho messo sul blog una ricetta in cui l'alchermes fa la differenza (io ho segnalato quello di Santa Maria Novella...) e adesso trovo la ricetta... non mi resta che provarlo!
    Grazie ti saprò dire...

    RispondiElimina
  10. Ciao Caterina, come stai???
    Le spezie, le puoi trovare in ottime erboristerie, io le ho trovate sopratutto a Roma e Firenze, girellando tra i vari Castroni, e Gremoni :)
    forse puoi provare anche con i siti online...
    Un bacio, e grazie per gli auguri a Chiara...
    un bacio a te, e ai tuoi ragazzi :)

    cioa Lucy, per provarlo, non ti resta che venirmi a trovare :)
    ci facciamo due pesche di Prato, e chiacchieriamo un pomeriggio intero,
    pensaci su :))

    Pippina del mio cuore...
    da bere con parsimonia, e dedicato ad una mia "amica" carissima...la conosci, forse???
    hahahah
    dai su...vieni a casa, che lo beviamo insieme <3
    bacione

    Ciao Rosalba,
    se trovi tutto, ti conviene provarlo...non ha niente a che vedere con quello che vendano nei negozi...siamo proprio su di un altro pianeta :)
    a presto

    Ciao Mirtilla, esatto...in alcuni dolci, è forse l'ingrediente di spicco...quello che da un tocco in più!!
    un bacione

    Annina,
    ma ciao amore mio <3
    No, non è quello che abbiamo comprato insieme...questo è perfetto, e costa anche meno...ha ha ha
    e tutte le altre cosine, le ho comprate con te a Roma...
    ok, quando ci vediamo, te lo farò assaggiare, mia amica vagabonda ;))
    un bacione

    lerocherhotel
    il profumo è fantastico...indescrivibile :)
    a presto

    Grazie Cristina...
    vedrai che se fai un giro da Gremoni, di sicuro trovi tutto :)
    e poi sentirai che profumo meraviglioso...
    bacio

    Ciao Marina,
    se hai segnalato quello di Santa Maria Novella, allora vuol dire che sei una intenditrice di alchermes :)
    io quello, ancora non ho avuto la fortuna di provarlo...
    vengo a vedre la tua ricetta, mi hai incuriosita!
    a presto

    RispondiElimina
  11. Non ci avevo mai pensato a farlo da sola, deve essere squisito...nelle pesche di Prato una vera delizia! Mio marito potrebbe morirci di indigestione

    RispondiElimina
  12. grazie per aver condiviso la ricetta di questa delizia! se riusciamo a reperire tutte le spezie non ci dispiacerebbe giocare agli speziali e provarla :)

    RispondiElimina
  13. complimenti per il blog! mi iscrivo, così posso seguirti sempre! se ti va sei la benvenuta nella mia cucina! baci! :-D

    RispondiElimina
  14. Ciao, ti invito a partecipare al mio contest "il plumcake: dal dolce al salato".
    Valgono solo le ricette postate dal 23 gennaio 2011, data di inizio del contest.

    RispondiElimina
  15. l'alchermes fatto in casa, ma sei un genio!!!! E concordo con la Pippi, anche le foto sono spettacolari come sempre.... ;)

    RispondiElimina
  16. Che meraviglia ... in quel bicchierino poi è un incanto! Mi piacerebbe assaggiarlo....
    Un bacio Uva

    RispondiElimina
  17. che ricetta interessatne! me la segno complimenti davvero ^_^

    RispondiElimina
  18. che bello il tuo blog
    questa ricetta poi mi incuriosisce moltissimo se trovo gli ingredienti lo preparo

    RispondiElimina

Ti ringrazio per essermi venuto a trovare, e per aver trovato tempo e voglia per commentare.
Puoi lasciare scritto quello che vuoi, un saluto, farmi una domanda, o anche una critica se costruttiva.