mercoledì 2 dicembre 2009

La torta Mantovana di Prato ...di Pellegrino Artusi

mantovana dell'<<span class=




Una settimana fa circa la mitica Milla,aveva postato la ricetta della Mantovana di Prato
chiamandomi in causa e chiedendomi se era quella "giusta",visto che sono di queste parti e abito a Prato.


Io avevo già postato un'altra ricetta tempo fa...precisamente questa
...decisamente buona ma!!
Si c'è un ma,nella mia mente avevo ancora il sapore della Mantovana del Mattei,il leggendario forno che ha inventato i biscotti di Prato,quella che mia mamma mi dava per merenda quando andavo a scuola.
Ed in effetti quella, aveva tutto un altro sapore...

Se poi, come ho scoperto in questi giorni,il signor Mattei era amico del mitico signor Pellegrino Artusi, e che questo caro amico, era riuscito a carpire la ricetta di questo dolce...perché non provare la ricetta dell'Artusi?

mantovana dell'<span class=

Già solo leggere la ricetta scritta da lui, sembra pura poesia...elegante,quasi signorile,un andar indietro nel tempo che fu.

Farina, grammi 170.
Zucchero, grammi 170.
Burro, grammi 150.
Mandorle dolci e pinoli, grammi 50 (
Consiglio vivamente di mettere molte più mandorle e pinoli )


Uova intere, n. l.
Rossi d'uovo, n. 4.
Odore di scorza di limone.

Si lavorano prima per bene col mestolo, entro una catinella, le uova collo zucchero; poi vi si versa a poco per volta la farina, lavorandola ancora, e per ultimo il burro liquefatto a bagno-maria. Si mette il composto in una teglia di rame unta col burro e spolverizzata di zucchero a velo e farina o di pangrattato e si rifiorisce al disopra con le mandorle e i pinoli. I pinoli tagliateli in due pel traverso e le mandorle, dopo averle sbucciate coll'acqua calda e spaccate per il lungo, tagliatele di traverso, facendone d'ogni metà quattro o cinque pezzetti. Badate che questa torta non riesca più grossa di un dito e mezzo o due al più onde abbia modo di rasciugarsi bene nel forno, che va tenuto a moderato calore.
Spolverizzatela di zucchero a velo e servitela diaccia, che sarà molto aggradita.


Questa è la versione originale...
La mia versione, molto meno poetica,vi dice di...

Sbattere le uova con lo zucchero, e montarle finché non sono bianche,poi unite la farina un cucchiaio alla volta,la scorza del limone grattugiata...infine unite il burro sciolto a bagnomaria.
Si versa il tutto in uno stampo di 24 cm imburrato ed infarinato,e si ricopre la superficie del dolce,proprio come dice l'Artusi...con le mandorle tagliuzzate a mano ed i pinoli tagliati a metà!
Si inforna a 180° per circa 30 minuti,per essere sicure della cottura,fate la prova stecchino...poi una volta cotta,sfornatela,lasciatela raffreddare bene e copritela con abbondante zucchero a velo.

Non vi spaventate se è bassina...l'Artusi diceva che doveva essere alta un dito e mezzo,massimo due.

Ecco Milla...mi chiedevi cosa ne penso...beh penso che questa è la vera Mantovana di Prato!!

37 commenti:

  1. Anche secondo me è la vera mantovana, poi detto da te che l'hai assaggiata si va sul sicuro! Le foto poi, parlano da solo, sono bellissime! Appena ho un giorno libero la provo sicuro. grazie Aurelia, un bacio!

    RispondiElimina
  2. foto bellissima Aurelia per una torta che non ho mai assaggiato ma che mi pare.......ne valga la pena hehehe
    :-)
    P.S. domenica ho fatto la sfoglia domani se riesco la posto :-)
    buona serata
    Pippi

    RispondiElimina
  3. Aurelia ci credi che non l'ho mai mangiata?!... va bè sono giustificata... non sono originaria di queste parti... ci abito solo da 8 anni...

    RispondiElimina
  4. E' stato un piacere sacrificarmi...
    l'ultima fetta è sparita 10 minuti fa,con una bella tazza di latte :)
    La mia ricerca della Mantovana perfetta è ufficialmente finita...
    questa è quella giusta!!
    Un bacio Milla
    Aurelia

    Pippi
    Devi rimediare al più presto...
    è un dolce semplice, ma con un gusto unico!
    Sono passata a vedere la sfoglia...è bellissima :)
    che soddisfazione,vero?
    Un bacio
    Aurelia

    Ciao Silvia :)
    Anche tu devi rimediare...
    se tanto mi da tanto...dal tuo cognome...ti vedrei dalle parti di Signa :)
    hahahaha
    Tutte le volte che ci passo mi vieni in mente te ;)
    Un bacio furfecchia
    Aurelia

    RispondiElimina
  5. non neanche Signa... un pochino più lontano oltre firenze...
    prima o poi rivendico la prorpietà di quel parco!!!! .-)))

    RispondiElimina
  6. Sandra Firenze3 dicembre 2009 08:57

    Ohhh grazie...tutte le volte che vengo a Prato non so resistere alla tentazione della Mantovana del Mattei! I cantucci riesco a farli, ora provo la mantovana, ma che mi dici dei brutti boni? ho provato varie volte a farli, ma non vengono mai bene come quelli del Mattei

    RispondiElimina
  7. Silvia,allora se sei d'oltrarno...sei più che giustificata!!
    hahahaha
    Allora vediamo...ti vedrei bene a...Pontassieve!!! :)

    Ci siamo??
    E io che ti vedevo già a spasso per il "TUO" parco!!!
    hahahaha
    Un bacio

    Ciao Sandra :)
    Sono contenta che ti piaccia la Mantovana del Mattei...e chi se lo immaginava che fosse amico dell'Artusi? :))
    Per i brutti boni...passo...devo ancora trovare la ricetta perfetta!
    Ma vedrai che prima o poi ci arrivo ;)
    Un bacio
    Aurelia

    RispondiElimina
  8. Allora c'ho preso????
    Mi sa di si :)
    hahahaha
    Evvaiiiiii

    RispondiElimina
  9. Ahhh da quant'è che la ricercavo questa ricetta!!!!
    Bella bella davvero!
    Grazissime cara Aurelia!
    Hai ragione, la ricetta è tutta poesia :-D

    Ti mando un bacione
    Ago :-D

    RispondiElimina
  10. non l'ho mai assaggiata quella originale...ma la tua mi attira tanto quindi la provero' presto!!baci

    RispondiElimina
  11. Ma ciaooo Ago :)
    Cercavi la ricetta?
    E' buonissima...proprio come quella originale del signor Mattei!
    Mi prendo il tuo bacione con vero piacere :)

    RispondiElimina
  12. Scarlett..
    io la vedrei bene con un passito di Pantelleria,un omaggio alla tua bella Sicilia... e un gemellaggio delizioso tra le nostre due belle regioni :)

    RispondiElimina
  13. Bellissima questa torta!! bellissima la foto ma quanto buona dev'essere???
    mmmmmmmm...

    RispondiElimina
  14. veramente bella questa torta....non l'ho mai assaggiata ma proverò la tua ricetta...come stai ....?tutto ok?poi ci sentiamo più avanti per gli auguri di Natale...baci katia

    RispondiElimina
  15. Che bell'aspetto ha quella torta e deve essere veramente buona.
    Non l'ho mai assaggiata e quindi mi sa che ti copio la ricetta.
    Buon fine settimana.

    RispondiElimina
  16. Ciao Aurelia, sono Paola e sono nativa di Lucca con gli zii che vivono a Prato. Mi sono sposata da 10 anni e da allora vivo nelle Marche(altra meravigliosa regione dove si mangia bene!!!). Ho scoperto stamani il tuo blog e colgo l'occasione di farti i miei complimenti.Quando ho visto la mantovana, che come tu dici somiglia molto a quella del Mattei,non ho resistito e appena sono arrivata a casa l'ho preparata. Che dirti, grazie, mi hai fatto fare un tuffo nel passato! Troppo buona e concordo nel dire che somiglia molto a quella del Mattei. Ho fatto solo una piccola modifica, ho messo l'arancia al posto del limone! Ancora GRAZIE. A presto Paola

    RispondiElimina
  17. Ciao Paola, sapessi come mi rendono felice, i commenti come il tuo!
    Pensare che per un attimo, una mia ricetta ti ha fatto tornare indietro nel tempo, è una grande soddisfazione.
    La mantovana del Mattei, ha un sapore unico, ma questa ricetta secondo me, è molto ma molto fedele al gusto originale.
    La prossima volta che la farò, proverò la tua variante all'arancia, sicuramente buonissima...
    Un abbraccio grande Paola, e grazie a te per aver scritto queste bel commento.
    A presto Aurelia

    RispondiElimina
  18. Fantastica!
    La faremo anche noi, abbiamo deciso di rifare tutte e 790 ricette in un anno, il nostro progetto sull'artusi parte il 1 agosto, tra pochissimo, se ti va di seguirci, siamo qui
    http://pellegrinidiartusi.blogspot.com

    RispondiElimina
  19. eccomi approdata nel posto giusto...per fare un omaggio all'Artusi...niente di più semplice e ...bbbuono! brava Aurelia! grazie...sai che hoben tre libri di cucina dell'artusi, tutti di famiglia???un bacio e speriamo a presto un nuovo incontro!

    RispondiElimina
  20. Ciao Simonetta, felice di esserti stata d'aiuto :)
    sicuramente ci rivedremo presto...Roma mi è entrata nel cuore!!!
    un bacio

    RispondiElimina
  21. Ciao sono entrata per caso sul tuo blog e ho scoperto che sei di Prato!!
    io sto a Narnali!!!
    Per il pranzo ho deciso di fare la mantovana e pensavo che potesse essere la tua!!
    Pensavo pure di aggiungerci la crema chantilly, ma ho paura di caricarla troppo...
    Sperando che la mia scelta non appesantisca la gionata a tutti i miei contavolanti, vi auguro BUON NATALE!!!

    RispondiElimina
  22. Qualcuno di voi ci ha mica aggiunto una mezza bustina di lievito?l'ultima volta che l'ho fatta è venuta bassa e forse andava cotta più di 30min a 180...

    RispondiElimina
  23. ciao Deulboun, no ... mi spiace, niente lievito, in questa torta non ci va, e se usi una teglia di dm di 24 cm, l'altezza va bene. certo, non è un pan di spagna, se guardi le foto, si vede anche che la torta è bassa, e per la temperatura, varia da forno a forno, e vige sempre la regola della prova stecchino.
    alla prossima Aurelia

    RispondiElimina
  24. non so quante volte mi riprometto di farla a vederla mette una sensazione di carezza sul palato ..non so spiegarmi la vedo come una nuvola ...bellissisma e buonissima

    RispondiElimina
  25. Allora, torta "mantovana" fatta, versione Artusi....è veloce, viene bene, è buona e si mangia tutta e subito!.... visto che è stato il primo dolce in assoluto che ho fatto da "giovane"....(ne è passato di tempo da allora), ho cercato e ritrovato la ricettina "versiliese" che usavo io...non è molto diversa da questa, un pò più dolce forse, aumentano le dosi di zucchero (150gr di semolato e 50gr vanigliato), farina 180gr, burro 200gr. La quantità delle uova 4+ 1 è la stessa e 100 gr. di mandorle tagliate per lungo e messe sopra ....stesso procedimento e cottura più lunga 50 min. (ma si sa dipende sempre dai forni che abbiamo a casa nostra)! Gnam! :-) Raffaella

    RispondiElimina
  26. Mi spiace Sig. Artusi, ma la vera mantovana (che è una ricetta TOSCANA) non sa nemmeno cosa sia il burro. Vuole RIGOROSAMENTE olio d'oliva. Andare a pranzo all'Officina della bistecca a Panzano per capire di che stiamo parlando.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Signor Anonimo, se si firmasse, saprei con chi sto parlando, anzi scrivendo, ma se legge attentamente l titolo, vedrà che c'è scritto la torta Mantovana di Pellegrino Artusi, e non la mantovana dell'Officina della Bistecca ... se all'Officina la fanno diversamente, buon per loro!
      A presto

      Elimina
  27. Ha ragione signora Aurelia, anche io ho sempre seguito la ricetta di Artusi (che tra l'altro dava quasi sempre ricette di ispirazione toscana), il burro ci vuole, eccome, è quello che dà il buono! E, a mio parere, è più buona mangiata il giorno dopo la cottura.
    Complimenti per il suo blog!
    Fiorella

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Fiorella, la ringrazio per il suo commento, ma non mi chiami signora Aurelia, che mi fa sentire"vecchia" : ) mi chiami semplicemente Aurelia, e diamoci del tu ...
      In alcuni dolci, si usa l'olio, ma non in questa... e anche con l'uso dell'olio dobbiamo stare attenti, se non vogliamo che i nostri dolci, abbiano un sapore troppo forte di olio.
      A presto, e ancora grazie
      Aurelia

      Elimina
  28. Ciao Aurelia, sono capitata sul tuo blog qualche giorno fa alla ricerca della Torta Mantovana e, sinceramente, non potevo non soffermarmi sulla tua ricetta! L'ho sfornata ieri e scritto il post oggi...appena uscirà sul mio blog te lo faccio sapere! ;)
    Hai un blog davvero stupendo, le ricette sono fantastiche e le foto anche! Mi sono unita ai tuoi lettori fissi e ho messo il tuo blog nella mia blogroll...se ti va passa a trovarmi qui http://www.mielemandorle.blogspot.it/
    Alla prossima (che prevedo sarà molto presto!)
    Sabrina

    RispondiElimina
  29. Ciao Aurelia,
    complimenti per il sito. Ho provato a fare la mantovana ed è venuta squisita l'unica cosa che le mandorle ed i pinoli durante la lievitazione sono scesi sul fondo del dolce. dove posso aver sbagliato ? Grazie mille

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao anonimo... ma perché non vi firmate, è imbarazzante, quando non si sa a chi si risponde... detto questo, probabilmente l'impasto non era ben montato, e questo ti ha causato la discesa della frutta secca. se vuoi vedere come è l'impasto, proprio domani mattina, sono in onda su tv2000, a "quel che passa il convento"con questa ricetta :)
      alla prossima, però firmati, per favore...

      Elimina
    2. Ciao anonimo... ma perché non vi firmate, è imbarazzante, quando non si sa a chi si risponde... detto questo, probabilmente l'impasto non era ben montato, e questo ti ha causato la discesa della frutta secca. se vuoi vedere come è l'impasto, proprio domani mattina, sono in onda su tv2000, a "quel che passa il convento"con questa ricetta :)
      alla prossima, però firmati, per favore...

      Elimina
  30. Ciao Aurelia! Fatta ora, venuta benissimo! Io però ho messo metà zucchero a velo e metà zefiro, la consistenza mi piace molto, è finissima!

    RispondiElimina
  31. Ciao Aurelia, come stai? Tua suocera? Ti volevo dire che ho fatto ora la mantovana, ho messo metà zucchero a velo e metà zefiro, la consistenza finissima mi piace molto! Un bacio!

    RispondiElimina
  32. Ciao Aurelia, come stai? Tua suocera? Ti volevo dire che ho fatto ora la mantovana, ho messo metà zucchero a velo e metà zefiro, la consistenza finissima mi piace molto! Un bacio!

    RispondiElimina

Ti ringrazio per essermi venuto a trovare, e per aver trovato tempo e voglia per commentare.
Puoi lasciare scritto quello che vuoi, un saluto, farmi una domanda, o anche una critica se costruttiva.