lunedì 16 maggio 2011

Torta morbida alle fragole, e una storia per Vallé…







Gli stessi gesti, lo stesso amore, e una torta morbida alle fragole…








torta morbida alle fragole 5











La penombra che avvolge la cucina, il mettitutto di legno, color avorio, che custodisce gelosamente le poche stoviglie di mamma, il vecchio tavolo di formica color verdolino, che ogni volta che viene toccato, emette sinistri cigolii, il forno bianco, a gas…leggermente ingiallito dal tempo, che si sta lentamente scaldando.







Sul tavolo regna una certa confusione, due ciotole di ceramica bianca, un mestolo di legno, il barattolo di alluminio che contiene lo zucchero, il pacco di farina aperto, e gusci d’uova sparsi…







Il frullino a mano, sta montando pian piano i tuorli con lo zucchero, sto facendo una certa fatica nel renderli belli spumosi, ma mamma che è lì vicina, mi incita a non fermarmi, dice che sono brava, e che diventerò una perfetta donnina di casa…ancora un po’ di fatica, e poi finalmente potrò aggiungere la farina, un cucchiaio alla volta.







Quello che sto facendo, è un dolce speciale, è il dolce per il mio amore, che quel pomeriggio verrà a trovarmi, è un dolce fatto con il cuore, per fargli capire tutto l’amore che provo per lui…







Qualche anno dopo…”







Il sole che inonda la stanza, l’aria che profuma dei fiori del nostro terrazzo, ciotole sparse sul ripiano della cucina, gusci d’uovo che aspettano di essere gettati…







Il rumore delle fruste elettriche che stanno montando i tuorli con lo zucchero, chiacchiere, risate, e schizzi ovunque.







Il forno lucido d’acciaio, supertecnologico, già caldo…che aspetta solo di accogliere la torta che stiamo preparando, e soprattutto “LEI”, mia figlia Chiara, che mi guarda sorridente e ascolta attenta i consigli che le sto dando.





Vuol preparare una torta… una torta per “ il suo amore”, che la sta venendo a trovare…una torta speciale, per fargli capire, tutto l’amore che lei prova per lui.





Passano gli anni, la tecnologia fa passi da gigante, forse anche gli ingredienti della torta sono diversi, ma due cose non sono mai cambiate… l’amore che una mamma prova per i suoi figli, e quanta dolcezza possa esprimere il semplice gesto di preparare una torta, per la persona che amiamo!











Torta morbida alle fragole

torta morbida alle fragole 4




Per una tortiera di 24 cm di diametro





200 gr di margarina Vallé Omega 3





250 g di farina 00





180 gr. di zucchero
4 uova
la buccia grattugiata di 1 limone biologico
1 bustina di lievito
2 cucchiai di latte
400 gr. di fragole a pezzettini







Zucchero a velo, per ricoprire la torta







Si inizia montando con le fruste elettriche, la margarina Vallè + burro, con lo zucchero, fino a rendere il tutto, una bella crema liscia, poi aggiungo i tuorli, uno alla volta, i 2 cucchiai di latte, e la zeste di limone grattugiata.







A parte monto gli albumi, aggiungendo anche un cucchiaio di zucchero semolato, e una volta montati, li amalgamo all’impasto, mettendo un paio di cucchiai di albumi, mescolo delicatamente dal basso verso l’alto, poi un paio di cucchiai di farina, e mescolo anche loro, molto delicatamente…continuando così, fino a che non termino di aggiungere, sia gli albumi sia la farina.







A questo punto ungo uno stampo e verso metà dell’impasto, adagio delicatamente le fragole che avevo preventivamente lavato e tagliato a piccoli pezzetti, aggiungo una o due cucchiai di zucchero semolato, nel caso le fragole non fossero molto dolci, e poi ricopro il tutto, con l’altra metà d’impasto.







Inforno nel forno già caldo a 180°, e lascio cuocere per 45/60 minuti circa, controllando la cottura del dolce con uno stuzzicadenti.. Se vedete che scurisce troppo, copritela con un foglio di alluminio.







Una volta fredda, togliere dallo stampo e cospargere di zucchero a velo.

29 commenti:

  1. con questo post mi hai stretto il cuore e con gli occhi lucidi su uno sfondo sfuocato dalle lacrime ti commento con tenerezza, perchè è quello il sentimento che inevitabilmente inonda il cuore di noi mamme nel dover ripetere gesti e parole come è stato fatto anni fa da chi , inconsapevolmente, è l'artefice della passione che abbiamo per la cucina.
    un bacio carissima e buona settimana

    RispondiElimina
  2. e mi fai piangere di nuovoooooooooooooooooooooooooo..... non si fa, non si fa di prima mattina.....
    sniff....
    un bacio
    anna

    RispondiElimina
  3. Presentazine stupenda e la torta mi sembra davvero deliziosa!

    RispondiElimina
  4. Sei dolce, delicata ...e mi hai farto vedere un bellissimo film stamattina.. di quelli che fanno fremere il cuore.

    RispondiElimina
  5. ... che bella presentazione sembra quasi di sentire il profumo di questa torta che sembra buonissima.... mi sa che non appena possibile ti rubo la ricetta!!!

    RispondiElimina
  6. Mammia mia che delizia!! Se c'è una cosa che adoro sono le torte con fragole, ciliege, limone, arancia.....voglio assolutamente provare la tua ricetta!
    Grazie mille!

    RispondiElimina
  7. ho avuto il privilegio di ascoltare questo racconto dalla tua viva voce tremante di commozione.... ci sono poche, pochissime cose importanti nella vita, Aurelia, questa è una...l'amore pieno di tenerezza di cui ci hai fatto partecipi....e un'altra è l'essere amica tua :-)
    un bacio
    Pippi

    RispondiElimina
  8. Bellissima la torta e bellissima teeeeeee!!Ma come sono fortunata a conoscerti!Ti lovvo sempre più!

    RispondiElimina
  9. sei stata molto romantica e dolce, nello scrivere il tuo post, sicuramente i gesti si ripetono, anche io apprendevo da mia madre l'arte di cucinare, e adesso capisco che era davvero arte...per me sarà diverso, ho due maschi, è vero che mi chiedono velocemente come si fa il sugo di pomodoro e una frittata o l'uovo sodo, o la pasta fredda, più di questo no, ma va bene lo stesso, se la caveranno quando sarà il momento, anche perché io spiego sempre loro, non sarà facile trovare una che cucina come mamma (modesta!!!) sicchè imparate....un abbraccio

    RispondiElimina
  10. sappi che con questo tuo racconto mi hai fatto venire i brividi e mi hai fatto commuovere....hai fatto riemergere un sacco di bei ricordi ...di quando ero piccola....e di quando mia figlia mi aiuta in cucina....insomma grazie,grazie e ancora grazie....anche per la ricetta che sembra squisita...un abbraccio ciao katia

    RispondiElimina
  11. Che bel tenero post, e che bella torta. Io ho tre maschi, per me sarà dura, bacioni.

    RispondiElimina
  12. io non sono ancora mamma e non ho avuto una mamma che cucinava torte per me, ma riesco ugualmente a capire molto bene il sentimento che descrivi il questo post, ed è molto bello :)

    RispondiElimina
  13. Ciao Annaferna,
    felice che le mie parole, ti abbiano toccato il cuore...
    un bacio anche a te

    Annina
    e mò basta piangere,
    vieni qua che ti abbraccio tutta...
    bacione grande <3
    anzi grandissimo :)

    Grazie Francesca :)


    Simoff,
    è un bel film vero?
    qualche fotogramma della mia vita...
    Grazie per essere passata

    Ciao Passione :)
    ruba quello che vuoi,
    le mie ricette sono sempre a disposizione :))
    Un bacio

    Arianna, ma grazie a te per essere passata...puoi usare la base di questa torta, e cambiare il tipo di frutta, sentirai che bontà!!
    A presto

    Pippi.. solo tremante??
    credevo veramente di scoppiare in lacrime...
    Chiedo pubblicamente scusa a tutte :))
    Sono io, che sono onorata, di averti tra le mie amiche del cuore, e grazie di essere sempre con me <3

    Simona...ehhh
    chi lo avrebbe mai detto, sono veramente una donnina a modino :))
    Bella del mio cuore, un abbraccio strinto strinto <3

    Tamara, ti capisco benissimo...
    pensa che sto facendo una lista, delle foodblogger giovani, carine e brave in cucina... da far conoscere a mio figlio... hahahahaha
    sto scherzando ovviamente
    però sarebbe un'idea non male :))

    Un bacio

    Katia, i ricordi e le emozioni,
    tra te e me... scorrono sempre sullo stesso binario.
    Siamo simili, mia cara... tanto simili, e proviamo le stesse emozioni :))
    Un bacio dal cuore <3

    Mariacristina...i tuoi ragazzi hanno la strada spianata... con una mamma come te, non avranno mai problemi <3
    un bacio

    AmaranthineMess
    Grazie per le tue parole, e grazie per la tua visita... vedrai che quando diventerai mamma, proverai le stesse sensazioni :)
    A presto

    RispondiElimina
  14. Che meraviglia...troppo golosa!!!Olga

    RispondiElimina
  15. Siiii...cara Aurelia! Finalmente è arrivata l'occasione! sono molto contenta di conoscerti e non vedo l'ora.Un bacio grandissimo!!!!

    RispondiElimina
  16. ciao, piacere di conoscerti, bellissima questo dolce alle fragole era proprio quello che stavo cercando.
    Bravissima.

    RispondiElimina
  17. ...mi sembra di averla già sentita questa storia
    ;)
    come dice Anna ora piangiamo di nuovo ;)
    ****
    love bedda mia *
    cla

    RispondiElimina
  18. Cucinare è un Arte che parte dal cuore più ci si impegna e maggiori saranno i risultati complimenti!

    RispondiElimina
  19. Sono passata per prendere il link per il post che sto scivendo...e..mi son resa conto che non lo avevo visto...ma come mi è scappato???!?! Quel giorno quando hai letto questo racconto mi sono emozionata..c'era qualcosa che ci legava..l'amore..proprio l'amore che lega la mamma alla figlia ma anche quello che la figlia sente per la mamma!!..ancora ricordo quell'emozione!!..un abbraccio forte!!
    Morena

    RispondiElimina
  20. Ciao Aurelia, io adoro le fragole e tutto quello che si può realizzare con questo delizioso frutto estivo...proverò sicuramente la tua ricetta della torta morbida,per il suo aspetto delizioso e per le dolci parole che l'hanno accompagnata!!
    p.s il tuo blog è veramente carino!!
    baci

    RispondiElimina
  21. grazie per le emozioni che mi hai regalato raccontando un tuo dolcissimo ricordo e grazie per questa ricetta che spero di riuscire a provare stasera! solo un chiarimento nel primo passaggio: "Si inizia montando con le fruste elettriche, la margarina Vallè + burro" - quanto burro? perché non lo vedo tra gli ingredienti e non vorrei sbagliare!
    grazie ancora e complimenti per il tuo appetitosissimo blog! :-)
    Un salutone,
    Laura

    RispondiElimina
  22. Ciao Laura,
    intanto grazie per le bellissime parole, e poi la margarina * burro, e un tipo di margarina Vallé... si chiama proprio così :)
    Puoi usare anche la vallé più leggera... viene in maniera splendida, anche con quella :))
    A presto
    Aurelia

    RispondiElimina
  23. grazie per la velocissima risposta!! non la conoscevo come tipo di margarina, spero di trovarla altrimenti prenderò quella più leggera come mi hai consigliato!
    poi ti farò sapere com'é venuta la torta :-)
    a presto,
    Laura

    RispondiElimina
  24. Cara Aurelia la torta é venuta molto buona, anche se le fragole sono andate a finire quasi tutte sul fondo! Forse perché l'impasto é venuto un pò consistente, tanto che la seconda metà versata sulle fragole non le ha coperte del tutto. Sono riuscita a trovare il tipo di Vallé semplice, forse con quella di cui mi parlavi tu l'impasto sarebbe stato più leggero....sono comunque molto soddisfatta e mentre preparavo la torta pensavo al tuo dolcissimo racconto e chissà magari é di buon auspicio per un futuro bimbo/a al quale trasmettere la passione per la cucina! ;-)
    grazie ancora, un caro saluto,
    Laura

    RispondiElimina
  25. Ciao Laura :)
    Il problema delle fragole sul fondo...ci accomuna tutte :)
    se vedi anche la mia, le fragole sono tutte sopra...nel senso che sfornando la torta...il basso va in su...e viceversa... :)))
    Non credo che sia un problema di margarina...in ogni caso viene sofficissima...secondo me, è più un problema nell'aggiungere gli albumi montati...hai alternato le cucchiaiate con la farina...e hai mescolato delicatamente dal basso verso l'alto? :))
    Vedrai che se riprovi...ti verrà senz'altro meglio...basta provare, provare...provare :))
    P.S
    ora che ci sono le ciliegie...perchè non provi a denocciolarle e farle cuocere pochi minuti con un po' di zucchero, e poi le aggiungi al posto delle fragole??? ^____^
    Ciao e a presto
    Aurelia

    RispondiElimina
  26. Escono dallo schermo queste foto!

    RispondiElimina
  27. eccomi!
    si ho alternato gli albumi alla farina mescolando delicatamente dal basso verso l'altro, però alla fine mi sembrava un pò troppo "soda" come consistenza...comunque grazie per il consiglio delle ciliege che tra l'altro adoro, proverò e riproverò senz'altro, il problema poi é resistere dal non mangiare tutta la torta!! ;-))
    buonissima giornata,
    Laura

    RispondiElimina
  28. era tanto tempo che cercavo la ricetta di questa buonissima torta......me la faceva sempre mia nonna e nn è arrivata in tempo a tralasciarmi tutte le sue ricette di cucina. GRAZIE!!!!

    RispondiElimina
  29. Carissima Aurelia, che piacere imbattermi nel tuo blog!
    Io vivo a Sydney da qualche anno e L'Italia mi manca...ma leggendo le tue storie, mi sento un po' meno lontana!
    Due giorni fa stavo per preparare una ciambella per i miei bimbi, e nel frigo ho notato un barattolo di mascarpone ed un cestino di fragole. L'idea di usare entrambi per preparare un torta piu' speciale e' stata ripagata da un dolce soffice come una nuvola, con una leggerla crosticina sbriciolosa e un sapore antico, quasi romantico. Cosi' mi sono detta "Chissa' se qualcun'altro ha provato a fare una torta simile"? ho scartabellato su Google e sei uscita tu, con al tua storia delicata e personale, che mi ha fatto commuovere.
    Io ho usato 1/3 di farina di mandorle nell'impasto, 3 uova e della vaniglia, ma per il resto, la nostra intuizione di mamme ci ha fatto creare una torta molto simile. Seppure dall'altra parte del mondo! Continuero' a seguirti. Un abbraccio Silvia

    RispondiElimina

Ti ringrazio per essermi venuto a trovare, e per aver trovato tempo e voglia per commentare.
Puoi lasciare scritto quello che vuoi, un saluto, farmi una domanda, o anche una critica se costruttiva.