venerdì 11 settembre 2009

Frittelle di zucchine


Altre frittelle di zucchine?
E perché no, mi sono detta...
Dopo queste con la pasta cresciuta,ho voluto provare queste frittelle di zucchine che avevo visto qua dalla mitica Roberta.
Sono buone, ma di un buono...che una tira l'altra!

Frittelle di zucchine



Ingredienti:

400 g di zucchine

120 g di farina

1 uovo

latte q.b.

Ho iniziato amalgamando la farina il latte e l'uovo, ed ho fatto riposare la pastella per circa 30 minuti in frigo.
Poi ho unito le zucchine che avevo grattugiato con una grattugia a fori grossi, ed ho insaporito il tutto con una spolverata di sale ed una di pepe!

Poi, aiutandomi con un cucchiaio, ho iniziato a friggere le frittelle nell'olio di arachidi ben caldo,le ho scolate man mano e le ho fatte asciugare dall'olio sulla carta assorbente.
Una spolveratina leggera di sale ed il gioco è fatto!

giovedì 10 settembre 2009

Profumi in cucina, compie un anno.


10 Settembre 2009, il mio blog di cucina compie un anno, ed ancora non riesco a crederci.
E' nato per gioco, è nato guardando per ore i vostri blog bellissimi, con il naso appiccicato allo schermo immaginando i profumi ed i sapori delle vostre magnifiche creazioni, ed ho fatto il grande salto!

Durante questi mesi ,ho conosciuto persone simpaticissime, ho continuato la mia ricerca infinita di nuove idee e ricette, ho ricevuto tantissime dimostrazioni di affetto quando non sono stata molto bene con la mia salute,ed ogni volta che ricevo un vostro messaggio sulle mie labbra nasce sempre un sorriso.
Ho imparato tantissime cose, ho scoperto nuovi ingredienti e sapori diversi che fino a qualche mese fa manco conoscevo, ho stressato e continuerò a stressare la mia bellissima famiglia con le foto dei miei piatti,ho cucinato piatti buonissimi, ed alcune volte dei piatti un pochino meno buoni, ma non per questo ho mai smesso di divertirmi!

Grazie al blog, ho ritrovato Barbara, la mia compagna di scuola delle superiori..."Scusami...stavo cercando una ricetta dei cantuccini e sono arrivata sul tuo blog...ma tu sei Aurelia?
L'Aurelia che frequentava il Datini?
Io sono Barbara, ti ricordi di me?
Immaginatevi la mia felicità :)

Per tutto questo devo solo ringraziarvi tutti quanti, grazie per tenermi compagnia ogni giorno, grazie per le vostre bellissime idee, grazie per ogni vostro consiglio e dimostrazione di affetto!

Profumi in cucina continua la sua avventura, voi continuate a starmi vicino...

Aurelia

mercoledì 9 settembre 2009

Fiori di zucca ripieni di carne


Quando mamma era ancora ne 'su cenci, e riusciva a coltivare l'orto a Treppio,i fiori di zucca erano il pane quotidiano delle nostre vacanze, unito alle vagonate di zucchina che li accompagnavano.
Ricordo l'ultimo anno che mamma ha fatto l'orto, che tutti i santi giorni mi dovevo inventare una ricetta a base di zucchine e arrivati alla fine della vacanza ne eravamo nauseati.
L'ultimo giorno della vacanza arrivati a casa a Prato, mio marito pensò bene di portarci fuori a mangiare una pizza...dopo tutte quelle zucchine ci voleva proprio!

Io come al solito, mi sono lasciata tentare dal cameriere:
"Signora, le proporrei la pizza dello Chef...è una pizza inventata all'istante con gli ingredienti del momento"
Già mi scintillavano gli occhietti...chissà che buona, e chissà che ingredienti sfiziosi ci sarebbero stai sopra!
Ecco che iniziano ad arrivare le pizze...margherita per i ragazzi...l'immancabile Napoli del grande capo...ed ecco finalmente arrivare la mia!
Una bellissima pizza, con...con..."Ma cavoli (ehm, non era proprio cavoli quello che ho esclamato!) le stramaledette zucchine anche li sopra!!!!
Non vi dico le risate...la pizza alle zucchine è passata alla storia :)

Ma veniamo alla nostra ricetta...
Come dicevo prima, con tutti quei fiori di zucca, non sempre li potevamo mangiare fritti, e quindi mamma li preparava ripieni di carne, e poi tuffati in un sughetto di pomodoro...la morte loro!

Tempo fa mi sono tornati in mente, ed ho cercato la ricetta trovandola qua da Giulia,nel suo bellissimo blog schegge di me



Fiori di zucca ripieni alla carne

12 fiori di zucca
250 g carne macinata
aglio
un uovo
mollica di pane
latte
pangrattato
prezzemolo
sale e pepe
passata di pomodoro

Pulite e lavate i fiori di zucca eliminando il pistillo interno, la difficoltà sta nel farlo senza rompere il fiore che è estremamente delicato :/. Preparate un impasto con la macinata, l'aglio schiacciato, un trito di prezzemolo e l'uovo, aggiungete, strizzandola, anche della mollica di pane imbevuta in un po' di latte. Salate e pepate. Riempite i fiori di zucca, fate delle palline di carne ovali da inserire all'interno del fiore, basterà che sia riempito il fondo del fiore giusto dove spancia un po', perché altrimenti nella cottura il fiore ritira ed esce tutto di fuori!
All'impasto che vi è avanzato aggiungete del pangrattato per renderlo più compatto e formate delle polpettine piccole piccole.
A parte preparate la salsa di pomodoro; mettete il pomodoro, un aglio schiacciato con il polso, dell'olio d'oliva ed un dado, se vi piace aggiungete anche per peperoncino. Fate insaporire.
In una padella antiaderente mettete un filo d'olio e fate rosolare sia i fiori ripieni che le polpette, quando saranno ben rosolati da tutte la parti aggiungete la salsa di pomodoro, mescolate delicatamente e fate cuocere per 30/40 minuti, girando spesso e controllando che non asciughino troppo.

lunedì 7 settembre 2009

Schiacciata con l'uva...o come si dice a Firenze...la "stiacciata coll'uva"

Schiacciata con l'uva (C) aurelia.bartoletti Profumi in Cucina
Lè collo zucchero, lè coll'uva, l'è coll'olio...

Ed ecco a voi la schiacciata con l'uva, o come si dice a Firenze, la "stiacciata"!
E' un dolce tipico della vendemmia, originario della zona di Firenze e del chianti, una semplice pasta di pane arricchita da uva da vino e zucchero,un dolce antico, buono e soprattutto semplice.


Schiacciata con l'uva (C) aurelia.bartoletti Profumi in Cucina
Schiacciata con l'uva

Il libro della vera cucina fiorentina
di Paolo Petroni

1 kg di uva nera Canaiolo, o altra uva da vino
400 g di farina 0
25 g di lievito di birra
200 g di zucchero in totale di cui (4 cucchiai nell'impasto ed il resto distribuiti durante le varie fasi di preparazione)
olio extra vergine d'oliva 4 cucchiai
sale

Si scioglie il lievito in una ciotola con circa mezzo bicchiere d'acqua tiepida, poi si aggiunge la farina l'olio,  4 cucchiai di zucchero ed il pizzico di sale.
Si impasta bene, aggiungendo altra acqua tiepida se servisse poi si mette a lievitare l'impasto per un'ora circa, in un luogo tiepido.

Schiacciata con l'uva (C) aurelia.bartoletti Profumi in Cucina

Stendiamo i 2/3 dell'impasto in una sfoglia sottile, ungiamo con dell'olio d'oliva una teglia rettangolare e stendiamo la sfoglia, copriamo con 700 g di uva, spolverizziamo con due cucchiai di zucchero e due cucchiai d'olio.
Stendiamo la rimanente pasta, copriamo l'uva e sigilliamo bene i bordi con la sfoglia sottostante piegandola sopra la nuova sfoglia che abbiamo messo.
Distribuiamo  l'uva che era rimasta, sulla superficie della schiacciata spolverizziamo con lo zucchero rimasto ,  cospargiamo con l'olio, poi inforniamo a 180° per un'ora circa.

domenica 6 settembre 2009

Crostata alla frutta


Allora...innanzi tutto ciao a tutte!
Sono tornata a casa dopo tre settimane trascorse nel bel mezzo dell'Appennino tosco-emiliano, tra aria buona, castagni , cervi,grigliate,tigellate,pizzate,e crescentinate varie ...il tutto arricchito dalla buona compagnia di cari amici che ci sono venuti a trovare.

Madonnina di Carpineta




Zoe in completo relax...


Ora però è il momento di rimettermi all'opera, il blog urge di nuove ricette e la pausa di riflessione è durata fin troppo.
Una bella spolverata alla tastiera del pc...e si parte!

Ho avuto un invito a cena all'improvviso, e visto che a Treppio non mi è possibile avere tutto l'occorrente a portata di mano, ho pensato di fare una crostata alla frutta, ma mi mancava la ricetta!
Una sbirciata lentisssssima al web...la connessione era peggio di una tartaruga zoppa... ed ho trovato questa ricetta qua della dolcetteria...Grazie Dolcetto


Crostata alla frutta
Pasta frolla
Ingredienti:
300 g di farina
100 g di zucchero
150 g di burro
2 tuorli e 1 uovo intero
la scorza grattugiata di un limone o una bustina di vanillina
una presa di sale

Ho tenuto il burro a temperatura ambiente per pochi minuti, e l'ho mescolato con la punta delle dita allo zucchero, poi ho aggiunto le uova,la farina setacciata gli aromi ed il sale, ed ho impastato velocemente creando un panetto che ho messo in frigo per un'ora circa.
Nel frattempo ho preparato la crema pasticcera



CREMA PASTICCERA

Ingredienti:
4 tuorli d'uovo
80 g di zucchero
30 g di amido di mais
450 ml di latte (o 250 ml di latte e 200 ml di panna fresca)
1 stecca di vaniglia o la scorza grattugiata di un limone

Si parte scaldando il latte con la scorza di limone o la bacca di vaniglia, e si lascia da una parte in attesa.
Ho sbattuto i tuorli con lo zucchero,ho unito l'amido ben setacciato ho mescolato bene, ed ho unito a filo il latte caldo avendo cura di non aggiungere anche la scorza di limone o la bacca di vaniglia.
Ho rimesso tutto sul fuoco ed ho portato ad ebollizione sempre mescolando, prestando attenzione che non mi si formassero dei grumi.

Intanto ho preparato il guscio di pasta frolla, mettendo la sfoglia sottile in una tortiera tipo Cuki opportunamente imburrata ed infarinata, ho bucherellato il fondo con i rebbi di una forchetta, ed ho abbellito il bordo con il manico di un coltello .
Ho coperto la pasta con della carta forno, ed ho riempito di fagioli secchi per evitare che la pasta si gonfiasse durante la cottura, poi tutto in forno già caldo a 180° per 20 minuti circa.

Quando sia il guscio che la crema erano diventati ormai ben freddi, ho composto la mia crostata, ed ho lucidato il tutto, spennellando con pochi cucchiai di gelatina di albicocche sciolti in un goccio d'acqua.