venerdì 20 marzo 2009

Spiedini di vitello e carciofi



Un amore a prima vista!

Quando ho visto la prima volta la loro foto, ho subito pensato che dovevo preparali il prima possibile.

Sto parlando di questi fantastici spiedini di
Sara Querzola
Da quando Sara, ha postato la sua ricetta, penso di averli fatti come minimo tre o quattro volte,sono delicatissimi e veloci sia nella loro preparazione, che in fase di cottura.

Un secondo diverso, nuovo, che sicuramente vi stupirà!

Come tutte le ricette di Sara,anche questa è perfetta...non ho cambiato niente.






Ingredienti per 2 persone:

10 fettine di noce di vitello tagliate sottili

Pangrattato q.b.

Parmigiano grattugiato q.b.

Carciofini sottolio q.b.

Salamoia bolognese (vedi nota alla fine della ricetta)

Olio extravergine di oliva
Procedimento:

In un piatto versate un po’ di olio extravergine di oliva insieme alla salamoia bolognese, mescolando un po’ con una forchetta. In un secondo piatto disponete il pangrattato. Scolate i carciofini dall’olio contenuto nel vasetto utilizzando uno scolapasta o un colino e teneteli da parte.Immergete le fettine di vitello dapprima nel composto di olio e salamoia, sgocciolate leggermente, poi passatele nel pangrattato in modo da farlo aderire bene. Appoggiate il tutto su di un tagliere, avendo cura di stendere bene i bordi della carne, cospargetela con un po' di parmigiano grattugiato e arrotolatela su se stessa ottenendo una sorta di cilindro. Con un coltello da cucina affilato dividetela in rotolini di circa 4/5 cm di lunghezza. Procedete in questo modo fino ad esaurimento delle fettine.Prendete uno spiedino infilzatevi un primo rotolino di carne facendolo seguire da un carciofo (che potrete tenere intero o tagliare a metà), poi continuate in questo modo fino ad ottenere 4 cilindri di vitello e 3 carciofini in tutto, alternati (come da foto).Scaldate una piastra di ghisa e cuocete gli spiedini fino a quando il pangrattato apparirà dorato e la carne sarà giunta al giusto grado di cottura (io preferisco tenerla un po’ rosata per non farla diventare troppo dura). Trasferite su di un piatto da portata e servite.
Note: la salamoia bolognese è un preparato a base di sale grosso, rosmarino, salvia (non sempre presente in alcune varianti) e aglio che viene utilizzato per insaporire arrosti, carni alla griglia, etc. Dalle mie parti si può acquistare presso la maggior parte dei supermercati, anche se più spesso si è soliti prepararla in casa.

giovedì 19 marzo 2009

Frittelle di riso




Vorrei poter preparare queste frittelle di riso, anche per chi ormai da tanti anni non è più al mio fianco, e poter dire ancora con tutto il cuore...


Auguri babbo




Ingredienti per circa 30 frittelle




200 g di riso originario


500 ml di latte


2 albumi


4 tuorli


4 cucchiai di farina


30 g di burro


un bicchierino di Rum


un cucchiaino di lievito in polvere


la scorza grattugiata di un limone


40/50 g di zucchero


un pizzico di sale


olio di semi di arachidi


100 g di uvetta sultanina se piace




Bollire il latte,con due bicchieri di acqua ed un pizzico di sale,aggiungere il riso e dopo pochi minuti unire il burro,lo zucchero e la scorza di limone grattugiata.


Far cuocere lentamente il riso,mescolando molto spesso, quando tutto il liquido sarà assorbito togliere dal fuoco e lasciare raffreddare il riso.
Aggiungere i tuorli,il lievito, la farina, il rum

Montare gli albumi con un pizzico di sale,ed unirli al composto di riso.


Scaldare bene l'olio, e aiutandosi con un cucchiaio, immergere il composto poche cucchiaiate alla volta.


Friggere le frittelle fino a completa doratura, scolarle bene dall'olio ed infine rotolarle nello zucchero semolato,








lunedì 16 marzo 2009

Torta della nonna

Un dolce dal nome semplice ...
Una deliziosa crostata che racchiude della crema delicata aromatizzata al limone,i pinoli tostati che ne esaltano il suo profumo.
Fino a qualche mese fa, era questa la torta della nonna che io conoscevo, quella che faccio da sempre.
Invece un bel giorno nel blog di Fior di Frolla, che ringrazio di cuore per avermela fatta conoscere,sbirciando tra le sue deliziose e golosissime ricette, ho trovato questa ricetta meravigliosa.

Sembra che sia stata elaborata nell'Enoteca Pinchiorri di Firenze, io posso solo dire che è di una delicatezza unica, la crema con la farina di mandorle dà alla torta un gusto nuovo, delicato e morbido, un dolce da occasioni "speciali".
Non ho omesso una virgola della sua ricetta...è perfetta così com'è!




Ingredienti:

Per la pasta frolla:

300 g di farina

100 g di burro

1 uovo

1 tuorlo

75 g di zucchero a velo

1 cucchiaino di lievito per dolci

2 tuorli

35 g di farina

575 ml di latte

75 g di zucchero a velo

100 g di farina di mandorle

2 cucchiai di pinoli

Per la pasta frolla: lavorate il burro freddo e lo zucchero a velo nella planetaria con il gancio a k. Sempre tenendo l’apparecchio in funzione aggiungete l’uovo ed il tuorlo, uno alla volta, fino a che si saranno amalgamati ed unire la farina setacciata insieme al lievito. Fate impastare il tutto fino ad ottenere una pasta liscia, lavorandola brevemente a mano se fosse necessario. Dividete l’impasto in due parti uguali e avvolgetele nella pellicola alimentare e fatele riposare in frigorifero per almeno 30 minuti (io l’ho lasciata per circa un’oretta).Per la crema: in una ciotola lavorate i tuorli insieme alla farina e allo zucchero a velo setacciati. Fate bollire il latte in una casseruola e versatelo a filo nel composto di uova mescolando con una frusta per evitare la formazione di grumi. Quando avrete ottenuto un composto omogeneo unite la farina di mandorle, amalgamate e ponete il tutto sul fuoco a fiamma moderata. Mescolate sempre con una frusta fino a quando la crema si sarà addensata. Lasciatela raffreddare mescolando di tanto in tanto per evitare la formazione della patina superficiale.Prendete la pasta dal frigorifero e stendetela con il mattarello in due dischi. Rivestite di carta da forno una teglia, disponetevi il primo disco e distribuitevi sopra la crema, avendo cura di lasciare libero uno spazio di circa 3 cm dal bordo. Coprite con il secondo disco e ripiegate i bordi della pasta verso l’alto sigillandoli bene. Spennellate la superficie della torta con un tuorlo sbattuto, cospargete con i pinoli e cuocete nel forno già caldo a 180° per circa 30 minuti. Al termine della cottura spolverizzate con lo zucchero a velo.

lunedì 9 marzo 2009

Dolcemente Prato...Live , ed il mio video Dolci Tentazioni




















Dolcemente Prato si è conclusa da poche ore... Tre giorni di pura magia, un mix magico di profumi intensi, cioccolato, vaniglia, biscotti e torte appena sfornati. Un mondo magico, dove grandi Maestri, hanno dato dimostrazione della loro immensa bravura, alternandosi nell'area live, tra zucchero tirato, decorazioni spettacolari, torte decorate, dessert al piatto, gelati paradisiaci...






Ho avuto la fortuna di veder nascere dalle loro mani sapienti vere e proprie opere d'arte, ho ammirato Pierpaolo Magni creare sculture di zucchero curate nei minimi particolari, Gabriele Ferro intento ad incidere frutta e verdura, facendo nascere sotto i miei occhi attenti delle rose bellissime da un'anguria, la manualità di Eliseo Tonti nel creare dei deliziosi polipetti di pasta di mandorle.











Ho avuto anche la fortuna di poter conoscere Loretta Fanella grandissima e bravissima Chef pasticcera, che pur essendo giovanissima ha già alle sue spalle, una grandissima esperienza maturata in giro per il mondo lavorando per i più famosi ristoranti e guru della pasticceria.
Con maestria, ha creato un dessert delizioso... l'ARCOBALENO, di una delicatezza e freschezza ineguagliabile... una delicata cremina di lamponi, passion fruit croccanti, una knell di delizioso gelato allo yogurt, frutti di bosco, e delle meringhe leggerissime che simulavano l'arcobaleno.
Ho avuto la fortuna di assaggiarlo, ed era strepitoso!

Sempre nell’area live, ho visto il grande chef Ernst Knam, preparare una crostata eccezionale...
Crostata al cioccolato, zenzero candito e pepe di Sarawak!
Una cosa strepitosa... un sapore unico, una crema al cioccolato deliziosa, un’armonia di sapori che si sposano benissimo con la spolverata di pepe finale.
Un grande gentleman, timido forse... che ci ha omaggiato della sua ricetta, e che appena potrò replicherò di sicuro.





E poi che dire dei “miei” pasticceri, quelli di casa...
Luca Mannori, Paolo Sacchetti, Ciolini, Peruzzi, hanno presentato le “loro”creature... la torta briaca al vin santo, il giulebbe, i castagnoli, gli amaretti di Carmignano, il berlingozzo, la torta magiche sensazioni, i cantuccini, le pesche di Prato, il Panfrutto... deliziosa pasta lievitata, con al suo interno golose fragoline di bosco, fragole e lamponi della vallata!!






E ieri pomeriggio, l’evento tanto atteso... almeno per me!
La premiazione del concorso Dolce Video... devo dire subito che non ho vinto, ma quello che mi a divertito di più, è stato vedere la gente ed i ragazzi, che ogni volta che andava in onda il mio video... canticchiavano e ballavano!
Almeno si sono divertiti ;-))
Ed infine, ho avuto anche modo di conoscere Christian,spelucchino.it,il suo video lo avevo già adocchiato su youtube, molto professionale!!Infatti lo consideravo tra i vincitori, hai visto Christian che non ci sono andata molto lontana?
E' stato un vero piacere incontrare un food blogger in carne ed ossa,peccato che il tempo è stato tiranno...

Che dire... non mi aspettavo un evento così bello, spero solo che arrivi al più presto la terza edizione della manifestazione... e come ho detto qualche post fa... io ci sarò, e voi?




Post nel post...

Il mio video...Dolci Tentazioni


Ecco qua il mio video!
Quando sono stata contattata per partecipare al concorso video di Dolcemente Prato,devo dire che ci ho pensato qualche giorno prima di decidermi...
Poi mi sono lasciata tentare,ho imbracciato la videocamera,e sono partita nella mia nuova avventura!
La mia idea era quella di fare un video live...la nascita dei miei croissant.Impastare e riprendere tutti i vari passaggi da sola,credetemi,non è stato per niente facile,ed una volta preparato il tutto,ecco che la porta della videocamera per caricare i video sul PC,si è rotta...ed io,ed io...beh,tutte le parolacce possibili ed immaginabili sono fuoriuscite da me come un fiume in piena!!!
Uno scaricatore di porto,nei miei confronti...penso risultasse un novellino ;-)
Meno male che ho un sacco di foto...ho rimediato usando quelle,il video non sarà un granchè,ma io mi sono divertita un mondo a montarlo.
Buona visione a tutte...